Skip to content

Aspetti emotivo-motivazionali in bambini con dislessia evolutiva

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Pileri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Giuseppe Tola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

Il tema fondante di questo lavoro di tesi è la dislessia evolutiva, uno dei disturbi specifici d’apprendimento che colpisce circa un milione e mezzo di bambini. Il deficit si manifesta con difficoltà nella lettura, nell’automatizzare il processo; causa lentezza e, spesso, ma non sempre, scarsa comprensione. E’ fondamentale precisare che un dislessico nasce e muore con il suo deficit; nonostante si possa migliorare, non può scomparire. Inizialmente la causa unica era stata imputata alla vista,dal momento che per leggere è necessario vedere. Questo è in parte vero, ma non risolve da solo il problema. Da allora, era il 1896, molto è cambiato e molto si è detto, ma una causa unica e una ricerca che potesse far affermare “Eureka!!”non c’è stata. E, questo, non a causa di negligenza o poco impegno, ma perché, probabilmente una causa unica non c’è. Il locus deficitario è individuato in diversi punti in base ai bambini presi in esame; e tante altre differenze possono essere riscontrate in adulti con dislessia acquisita, nei quali il deficit si manifesta
in modo chiaro e specifico, molto più che con DE.
Nel 1997 è nata l’Associazione Italiana Dislessia e negli ultimi anni siti web e blog per dislessici, insegnanti, operatori nel campo della riabilitazione e per chi voglia informarsi. Una legge ancora non esiste e sarebbe importante per tutti coloro che, in particolar modo i genitori, vedono i loro bambini con delle difficoltà, anche riconosciute, ma che non sono considerate al momento delle valutazioni, delle verifiche o degli esami. E lo stesso problema è vissuto da un dislessico che, superate delle difficoltà scolastiche, magari a gran fatica, si ritrova a partecipare ad un concorso in cui non ritrova delle agevolazioni tecniche, non di conoscenza, magari con l’utilizzo di un computer. Pochi mesi fa è stato presentato un disegno di legge, ripreso da un precedente disegno mai approvato, che potrebbe tutelare in maniera significativa i dislessici di ogni età, dal momento che riguarda bambini in età scolastica, ragazzi e adulti per quanto concerne il mondo del lavoro.
Con questo lavoro, non essendo sperimentale, non si ha nessuna pretesa di accrescere la conoscenza del settore, ma solo di offrire un resoconto sintetico di ciò che è la dislessia, di cosa vive un dislessico e di come si può aiutare.
Nel primo capitolo si è parlato del deficit, prima incluso nei DSA, e poi trattato singolarmente. Nel secondo capitolo l’argomento trattato è quello riguardante la componente emotiva.
Il terzo capitolo infine è dedicato alla riabilitazione, o meglio all’abilitazione, dal momento che le abilità non sono state perse, ma mai acquisite.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il tema fondante di questo lavoro di tesi è la dislessia evolutiva, uno dei disturbi specifici d’apprendimento che colpisce circa un milione e mezzo di bambini 1 . Il deficit si manifesta con difficoltà nella lettura, nell’automatizzare il processo; causa lentezza e, spesso, ma non sempre, scarsa comprensione. E’ fondamentale precisare che un dislessico nasce e muore con il suo deficit; nonostante si possa migliorare, non può scomparire. Inizialmente la causa unica era stata imputata alla vista,dal momento che per leggere è necessario vedere. Questo è in parte vero, ma non risolve da solo il problema. Da allora, era il 1896, molto è cambiato e molto si è detto, ma una causa unica e una ricerca che potesse far affermare “Eureka!!”non c’è stata. E, questo, non a causa di negligenza o poco impegno, ma perché, probabilmente una causa unica non c’è. Il locus deficitario è individuato in diversi punti in base ai bambini presi in esame; e tante altre differenze possono essere riscontrate in adulti con dislessia acquisita, nei quali il deficit si manifesta in modo chiaro e specifico, molto più che con DE. Nel 1997 è nata l’Associazione Italiana Dislessia e negli ultimi anni siti web e blog per dislessici, insegnanti, operatori nel campo della riabilitazione e per chi voglia informarsi. Una legge ancora non esiste e sarebbe importante per tutti coloro che, in particolar modo i genitori, vedono i loro bambini con delle difficoltà, anche riconosciute, ma che non sono considerate al momento delle valutazioni, delle verifiche o degli esami. E lo stesso problema è vissuto da un dislessico che, superate delle difficoltà scolastiche, magari a gran fatica, si ritrova a partecipare ad un concorso in cui non ritrova delle agevolazioni tecniche, non di conoscenza, magari con l’utilizzo di un computer. Pochi mesi fa è stato presentato un disegno di legge, ripreso da un precedente disegno mai approvato, che potrebbe tutelare in maniera significativa i dislessici di ogni età, dal momento che riguarda bambini in età scolastica, ragazzi e adulti per quanto concerne il mondo del lavoro. 1 Iossa, M., Dislessici, esercito di fantasmi, Corriere della Sera, 24 ottobre 2008 p.10 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dislessia
discalculia
disgrafia
disortografia
learning disabilities

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi