Skip to content

Dostoevskij a teatro: le messinscene di "Delitto e castigo" dalla Francia all'Italia

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Ghirardi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Forme e tecniche dello spettacolo
  Relatore: Mara Fazio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 205

L’adattabilità di Delitto e castigo a teatro la ritroviamo in primo luogo nello spazio, in cui si possono rintracciare delle caratteristiche fondamentali che lo rendono adatto a una trasposizione scenica. Infatti la città altro non è che un bunker labirintico, uno spazio chiuso e ben circoscritto, dove gli stessi luoghi ritornano più volte all’interno della storia in un percorso cieco che il protagonista compie quasi inconsapevolmente immerso nel proprio delirio.
L’ambiente, rappresentato in tutto il suo degrado, è l’ostacolo nel quale Raskolnikov si deve immergere per recuperare il contatto con gli uomini e salvare la propria coscienza. Per vincolare i suoi personaggi alla necessaria accettazione di questo mondo, lo spazio si presenta serrato e senza via d’uscita. Ogni luogo è a sua volta chiuso e delinea un quadro teatrale, dove gli spazi limitrofi: le scale, le porte e le soglie, fungono da punti nevralgici in cui l’azione si carica di tensione. Sono gli elementi fondamentali con la quale i registi, e soprattutto gli scenografi, si sono dovuti confrontare per la messinscena di Delitto e castigo che ritrova i suoi momenti di vibrazione proprio nei limiti spaziali. La scenografia dello spettacolo si dimostra così fondamentale e deve saper valorizzare lo stato di tensione che si viene a creare in certe situazioni proprio nel passaggio dalla scena al fuori scena.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Delitto e castigo è l’opera di morte e di rinascita con la quale Dostoevskij si afferma nel panorama letterario e fa dello scrittore uno dei più grandi romanzieri. Il romanzo nasce da una lenta e meditata maturazione dell’autore in seguito alla mancata fucilazione e alla terribile esperienza dell’ergastolo nelle lontane terre della Siberia. Le steppe e i desolati monti, dove è disperso il reclusorio, acquistano un valore iniziatico in cui lo scrittore scopre, nel suo meraviglioso popolo, il significato originario e primitivo dell’uomo vero, non contaminato da artefatti intellettualismi. Tutto in questo luogo riacquista un senso profondo, primordiale, e Dostoevskij riesce quasi ad arrivare alla verità più intima dell’uomo. Proprio nel teatro del reclusorio lo scrittore affronta un’esperienza di teatro vero, fatto da un repertorio popolare che riprende le storie più antiche, tramandate oralmente, dove i forzati, nella messinscena dello spettacolo ritrovano la loro fanciullezza, il gioco più ingenuo, tutte quelle caratteristiche autentiche che riaffermano la dignità e l’orgoglio di essere ancora uomini. Il teatro ritorna così ad essere collaborazione, unione e condivisione, e insegna all’uomo il valore della collettività. Dostoevskij in questi durissimi anni è solo, distante dalla propria famiglia, dagli amici e soprattutto dalla sua terra, ma nella lettura del Vangelo riacquista la speranza e trova il modo per relazionarsi e per comunicare con l’animo semplice dei forzati, abbandonando le ideologie politiche, ormai eccessivamente sporcate da intellettualismi che distanziano gli uomini e danno origine a pericolosi personalismi che sfociano in superbia, nichilismo e incapacità di amare. L’origine del romanzo è fondamentale per rintracciare l’importanza del valore religioso e popolare dell’opera, che caratterizza innanzi tutto il pensiero dello scrittore, che in seguito alla terribile esperienza di prigionia, risulta rinnovato sul piano artistico e spirituale. Dosotevskij infatti diventa celebre in Francia, prima di diffondersi nel resto dell’Europa, grazie al libro Le roman russe di V ogüé del 1886, che dedica allo 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teatro
strehler
visconti
dostoevskij
delitto e castigo
baty
bragagli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi