Skip to content

Un'analisi economica, normativa e sociologica sulla flessibilità nel mercato del lavoro in dieci anni di applicazione della Legge Biagi

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Ippoliti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Scienze Sociali per il Governo, l'Organizzazione e le Risorse Umane
  Relatore: Anna Rita Germani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

Questo lavoro si concentra su uno dei temi più dibattuti degli ultimi anni, sul quale i vari governi che si sono succeduti sono maggiormente intervenuti e per il quale si sono verificate le più importanti tensioni sociali. Il mercato del lavoro è in effetti da tutti considerato (insieme alla politica fiscale) lo specchio di una società e, nello stesso tempo, l’istituzione più rappresentativa di un’economia.
In particolare, negli ultimi due decenni, al centro dello scontro politico sul lavoro in Italia è stato il tema della flessibilità, nel senso della necessità di una maggiore deregolamentazione del sistema lavoristico italiano, sostenuto con forza da imprenditori e forze politiche liberali, vista con sospetto, se non proprio osteggiata, dai sindacati e dai partiti di sinistra. Come spiegherò più esaurientemente nel prosieguo del lavoro, per i primi il nostro mercato del lavoro era (e continua ad essere per alcuni) non dinamico, poco elastico rispetto alle esigenze del mercato e caratterizzato da un’eccessiva protezione a favore dei lavoratori, trovando in queste cause la spiegazione sia dell’insoddisfacente sviluppo economico, sia della presenza di una elevata e costante disoccupazione. Per i secondi, al contrario, l’introduzione della flessibilità veniva ad assumere l’aspetto di un semplice espediente per poter permettere ai datori di lavoro di assumere del personale a basso costo, sottraendosi agli obblighi derivanti dall’instaurazione di un contratto standard, minando nel contempo la sicurezza economica dei lavoratori.
In questo lavoro cercheremo di capire quale sia invero la realtà delle cose, partendo dalle motivazioni che spinsero i governi ad attuare riforme del lavoro improntate alla flessibilità, per giungere infine ad una lettura, e successiva analisi, dei dati sulla situazione occupazionale degli ultimi anni, in particolar modo per quella fascia di lavoratori direttamente interessati: i lavoratori flessibili o atipici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Questo lavoro si concentra su uno dei temi più dibattuti degli ultimi anni, sul quale i vari governi che si sono succeduti sono maggiormente intervenuti e per il quale si sono verificate le più importanti tensioni sociali. Il mercato del lavoro è in effetti da tutti considerato (insieme alla politica fiscale) lo specchio di una società e, nello stesso tempo, l’istituzione più rappresentativa di un’economia. In particolare, negli ultimi due decenni, al centro dello scontro politico sul lavoro in Italia è stato il tema della flessibilità, nel senso della necessità di una maggiore deregolamentazione del sistema lavoristico italiano, sostenuto con forza da imprenditori e forze politiche liberali, vista con sospetto, se non proprio osteggiata, dai sindacati e dai partiti di sinistra. Come spiegherò più esaurientemente nel prosieguo del lavoro, per i primi il nostro mercato del lavoro era (e continua ad essere per alcuni) non dinamico, poco elastico rispetto alle esigenze del mercato e caratterizzato da un’eccessiva protezione a favore dei lavoratori, trovando in queste cause la spiegazione sia dell’insoddisfacente sviluppo economico, sia della presenza di una elevata e costante disoccupazione. Per i secondi, al contrario, l’introduzione della flessibilità veniva ad assumere l’aspetto di un semplice espediente per poter permettere ai datori di lavoro di assumere del personale a basso costo, sottraendosi agli obblighi derivanti dall’instaurazione di un contratto standard, minando nel contempo la sicurezza economica dei lavoratori. In questo lavoro cercheremo di capire quale sia invero la realtà delle cose, partendo dalle motivazioni che spinsero i governi ad attuare riforme del lavoro improntate alla flessibilità, per giungere infine ad una lettura, e successiva analisi, dei dati sulla situazione occupazionale degli ultimi anni, in particolar modo per quella fascia di lavoratori direttamente interessati: i lavoratori flessibili o atipici. La volontà di confrontarsi con tale progetto d’analisi ha origine dal grande interesse per il sistema lavoristico italiano, capace di rispecchiare, secondo il parere di chi scrive, il livello di democrazia e di aggregazione sociale presente nel nostro Paese (e così anche negli altri); ma anche per l’esigenza di monitorare lo stato delle cose a dieci anni di distanza dalla controversa e dibattuta riforma del mercato del lavoro approvata nel 2003, la cosiddetta Legge Biagi. Seppur non sia la prima né l’unica promulgata nel passato recente dell’Italia, questa riforma è tutt’ora considerata la più importante mai adottata, sia per l’onnicomprensività dei temi trattati, sia per la radicalità delle idee di cui si faceva portatrice, scatenando uno scontro politico-sociale, ma anche economico e normativo, di rado raggiunto in Italia. Questa ricerca sarà strutturata in più parti. Nella prima, sarà riportato un excursus teorico nel quale saranno presentati i principali modelli economico-concettuali che nell’ultimo secolo hanno cercato di descrivere il mercato del lavoro e i rapporti che intercorrono tra il salario e i livelli di disoccupazione e d’inflazione: partendo dai neoclassici, e passando per le teorie keynesiane, di Friedman e della nuova macroeconomia classica, giungeremo ad esporre i modelli più recenti, nei quali il mercato non risulta essere in un regime di libera concorrenza, bensì influenzato da vari fattori istituzionali, in particolar modo i sindacati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi