Skip to content

Trent'anni dopo Basaglia. Disagio psichico e volontariato sociale

Informazioni tesi

  Autore: Antonietta Volzone
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Tullia Saccheri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

La scelta di affrontare la spinosa questione della malattia mentale, in relazione agli sviluppi della legge 180/78, è scaturita dalla mia personale esperienza presso un’associazione di volontariato impegnata nel recupero psico-sociale di disabili psichici.
I problemi dell’applicazione della legge 180 sono ben noti alla maggior parte della popolazione. La cronaca offre quasi quotidianamente spunti di riflessione in merito alle disfunzioni del sistema sanitario in materia di prevenzione, cura e riabilitazione della malattia mentale: non solamente casi di suicidi e omicidi da parte di interdetti mentali, ma anche comportamenti per nulla violenti, ma pur sempre devianti, scatenano sempre più spesso l’ira o quantomeno la curiosità dell’opinione pubblica.
L’idea di proporre un’esperienza personale nasce dalla convinzione, alla luce dei miglioramenti riscontrati in tutti i pazienti che in questi anni hanno frequentato l’associazione in questione, delle potenzialità dei malati psichici i quali, se messi nelle giuste condizioni, possono davvero trovare giovamento nella loro vita non solo come malati psichici ma anche come essere sociali.
Questo lavoro è dunque il frutto di un lavoro volontario che ha permesso a chi scrive di osservare una realtà difficile, quale è la disabilità mentale, da una prospettiva sicuramente privilegiata.

Le politiche sociali prima e dopo la Legge 328/2000, le politiche d'intervento attarverso i Piani Di Zona e la nascita del volontariato sociale.
Breve excursus sul concetto di Malattia Mentale e le proposte del dottor Basaglia.
Infine, presentazione della propria esperienza personale all'interno di un'associazione di volontariato impegnata nel recupero psico-sociale di soggetti affetti da disagio psichico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La scelta di affrontare la spinosa questione della malattia mentale, in relazione agli sviluppi della legge 180/78, è scaturita dalla mia personale esperienza presso un’associazione di volontariato impegnata nel recupero psico-sociale di disabili psichici. I problemi dell’applicazione della legge 180 sono ben noti alla maggior parte della popolazione. La cronaca offre quasi quotidianamente spunti di riflessione in merito alle disfunzioni del sistema sanitario in materia di prevenzione, cura e riabilitazione della malattia mentale: non solamente casi di suicidi e omicidi da parte di interdetti mentali, ma anche comportamenti per nulla violenti, ma pur sempre devianti, scatenano sempre più spesso l’ira o quantomeno la curiosità dell’opinione pubblica. I comportamenti devianti, in particolar modo quelli riconducibili a cause di origini mentali, non passano certo inosservati, soprattutto nelle piccole comunità. L’idea di proporre un’esperienza personale nasce dalla convinzione, alla luce dei miglioramenti riscontrati in tutti i pazienti che in questi anni hanno frequentato l’associazione in questione, delle potenzialità dei malati psichici i quali, se messi nelle giuste condizioni, possono davvero trovare giovamento nella loro vita non solo come malati psichici ma anche come essere sociali. Senza la riforma apportata dalla legge 180, probabilmente tutti gli utenti accolti dalle strutture di volontariato sarebbero ora chiusi in un manicomio e i progressi conquistati nel corso della loro vita non sarebbero mai avvenuti. Questo lavoro è dunque il frutto di un lavoro volontario che ha permesso a chi scrive di osservare una realtà difficile, quale è la disabilità mentale, da una prospettiva sicuramente privilegiata. Nel primo capitolo si analizza il ruolo del volontariato nell’ambito delle politiche sociali italiane dall’Ottocento ad oggi. Si ripercorrono brevemente i vari passaggi che hanno portato l’Italia liberale, nella quale le politiche sociali si limitavano all’attività filantropica di uomini facoltosi, a diventare un moderno Stato civile. Si è analizzato il ruolo fondamentale che le Opere Pie e le Società di Mutuo Soccorso hanno avuto in questo processo nonché la rivoluzione socio-politica apportata dall’assicurazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

malattia mentale
politiche sociali
basaglia
disagio psichico
integrazione
socialità
cooperativa sociale
psichiatria
rete sociale
sistema sanitario
associazionismo
legge 180
csm
legge 328/2000
piano di zona
volontariato sociale
esperienza di volontariato
chiusura manicomi
manicomio
integrazione sociale
recupero psico sociale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi