Skip to content

Analisi dell’elasticità climatica per i bacini appenninici dell’Emilia Romagna

Informazioni tesi

  Autore: Gaetano Ciaramella
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria per l'ambiente e il territorio
  Relatore: Attilio Castellarin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 183

L’argomento trattato in questo elaborato è l’elasticità climatica dei deflussi dei bacini appenninici dell’Emilia Romagna. Essa fornisce una misura della sensibilità dei deflussi alle variazioni degli afflussi meteorici. Il concetto di elasticità per valutare la sensibilità dei deflussi ai cambiamenti del clima fu introdotto per la prima volta nella letteratura idrologica da Shaake [1990]. La definizione teorica di elasticità climatica dei deflussi è data dalla formula (1). Essa si basa su un rapporto tra la variazione in termini relativi dei deflussi Q (e la corrispondente variazione relativa di una variabile climatica (ad esempio la precipitazione P, o variabili di interesse come l’evapotraspirazione potenziale ET, temperatura T, radiazione media).
La (1) non è di agevole applicazione nei calcoli ingegneristici perché presuppone la conoscenza di una relazione matematica derivabile che leghi in maniera biunivoca la variabile climatica al deflusso corrispondente. In realtà, il processo di trasformazione degli afflussi in deflussi per un dato bacino idrografico è un fenomeno molto complesso nel quale interagiscono numerosi fattori e vengono coinvolte una grande quantità di grandezze fisiche, che non può essere descritto da una semplice relazione matematica. Pertanto, nella pratica si ricorre a definizioni semplificate, di natura empirica che stimano l’elasticità idroclimatica di un bacino a partire dalle serie osservate di afflusso meteorico e deflusso alla scala temporale annuale, stagionale o mensile.
Gli obiettivi prefissati nella presente Tesi sono dunque:
- Raccogliere dagli annali idrologici pubblicati sia dell’ex SIMN (Servizio Idrografico e Mareografico Nazionale – periodo di riferimento 1925-1985) che dell’ARPA (periodo di riferimento 1990-2010) le serie annuali e mensili di altezze di precipitazione e corrispondente deflusso misurate dalle stazioni idrometriche poste su alcune sezioni dei corsi d’acqua dell’Emilia Romagna per un insieme di 30-40 bacini appenninici emiliano-romagnoli aventi (dimensioni variabili tra i 30 km2 e i 2000 km2). Le serie annuali devono essere più lunghe possibile e comprendere almeno una ventina di anni in modo tale che siano statisticamente consistenti.
- con questi dati, valutare l’elasticità climatica dei deflussi attraverso un metodo empirico (non parametrico) con tre distinte formulazioni;
- valutare l‘elasticità climatica attraverso il metodo convenzionale basato sulla definizione di elasticità parametrica e confrontare i risultati ottenuti con quelli del metodo empirico;
- identificare le caratteristiche di bacino più adatte a descrivere l’elasticità valutare analizzando se esistano dei legami di tipo statistico tra i descrittori di bacino come l’area, la quota media, la pendenza media, la struttura della rete di drenaggio e l’elasticità climatica valutata con il metodo empirico;
- verificare la possibile dipendenza dei valori empirici di elasticità dal periodo di osservazione e interpretarne le possibili motivazioni, sulla base di dati che coprono tutto il periodo 1925-2010 per una decina di bacini caratterizzati dalle maggiori lunghezze delle serie storiche. Per realizzare questa analisi è necessario ricercare un numero sufficientemente elevato di quelle stazioni (e quindi i relativi bacini) che possiedono misure di deflusso e afflusso per gli anni e del periodo 1925-1965 e del periodo 1990-2010.
Si sono così raccolte le serie storiche di portata e precipitazione annuale e mensile per 31 bacini in riferimento agli annali ex SIMN e per 50 bacini in riferimento agli annali ARPA. Si sono trovate 12 stazioni le cui misure di altezza di pioggia e deflusso ricoprono i due periodi di riferimento.
I risultati più rilevanti dell’indagine mostrano che:
- l’elasticità climatica media annuale dei bacini appenninici Emiliani Romagnoli si attesta intorno a 1,5, il che significa che ad un aumento del 20% delle precipitazioni da un anno all’altro corrisponde una variazione del deflussi pari a circa il 30%;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
ANALISI DELL’ELASTICITÀ CLIMATICA PER I BACINI APPENNINICI DELL’EMILIA ROMAGNA Sommario a cura di Ciaramella Gaetano L’argomento trattato in questo elaborato è l’elasticità climatica dei deflussi dei bacini appenninici dell’Emilia Romagna. Essa fornisce una misura della sensibilità dei deflussi alle variazioni degli afflussi meteorici. Il concetto di elasticità per valutare la sensibilità dei deflussi ai cambiamenti del clima fu introdotto per la prima volta nella letteratura idrologica da Shaake [1990]. La definizione teorica di elasticità climatica dei deflussi è data dalla formula (1). Essa si basa su un rapporto tra la variazione in termini relativi dei deflussi Q (e la corrispondente variazione relativa di una variabile climatica (ad esempio la precipitazione P, o variabili di interesse come l’evapotraspirazione potenziale ET, temperatura T, radiazione media):   Q P dP dQ P dP Q dQ Q P P   ,  (1) La (1) non è di agevole applicazione nei calcoli ingegneristici perché presuppone la conoscenza di una relazione matematica derivabile che leghi in maniera biunivoca la variabile climatica al deflusso corrispondente. In realtà, il processo di trasformazione degli afflussi in deflussi per un dato bacino idrografico è un fenomeno molto complesso nel quale interagiscono numerosi fattori e vengono coinvolte una grande quantità di grandezze fisiche, che non può essere descritto da una semplice relazione matematica. Pertanto, nella pratica si ricorre a definizioni semplificate, di natura empirica che stimano l’elasticità idroclimatica di un bacino a partire dalle serie osservate di afflusso meteorico e deflusso alla scala temporale annuale, stagionale o mensile. Gli obiettivi prefissati nella presente Tesi sono dunque: - Raccogliere dagli annali idrologici pubblicati sia dell’ex SIMN (Servizio Idrografico e Mareografico Nazionale – periodo di riferimento 1925-1985) che dell’ARPA (periodo di riferimento 1990-2010) le serie annuali e mensili di altezze di precipitazione e corrispondente deflusso misurate dalle stazioni idrometriche poste su alcune sezioni dei corsi d’acqua dell’Emilia Romagna per un insieme di 30-40 bacini appenninici emiliano- romagnoli aventi (dimensioni variabili tra i 30 km 2 e i 2000 km 2 ). Le serie annuali devono essere più lunghe possibile e comprendere almeno una ventina di anni in modo tale che siano statisticamente consistenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bacino idrografico
regione emilia romagna
elasticità idroclimatica
annali idrologici
variabilità climatica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi