Skip to content

Il trust come strumento del passaggio generazionale nei gruppi aziendali

Informazioni tesi

  Autore: Margherita Ranisi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Alberto Kunz
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 226

L’elaborato nasce dall’esigenza di indagare l’Istituto del trust, il suo utilizzo e le differenze teoriche e pratiche della sua attuazione, rispetto agli istituti ad esso alternativi. L’analisi prende le mosse dal considerare, dapprima, il contesto imprenditoriale italiano, poi quello europeo e mondiale, con l’obiettivo di presentarne le varie realtà aziendali e le esigenze che da queste possono derivare. La vasta diffusione dell’imprenditoria familiare, soprattutto in Italia, ma anche in Europa e nelle maggiori economie internazionali, spinge alla considerazione dei modi e dei mezzi attraverso i quali pianificare e gestire l’ingresso della nuova generazione nel complesso aziendale. Il quadro dell’imprenditoria familiare porta il fondatore dell’azienda ad individuare, quando si decide di pianificare il passaggio generazionale, il successore soprattutto tra membri interni al nucleo familiare e lo fa con ampio tempo di anticipo rispetto all’ingresso della nuova generazione. Gli strumenti e le tecniche utilizzabili sono molteplici, ognuna delle quali ha una valenza più o meno adeguata al raggiungimento dei fini propri dell’imprenditore. Il desiderio di perpetuare la vita di ciò che con fatica è stato creato, non nel senso dell’immutabilità ma della continuità; l’esigenza di cristallizzare il patrimonio in modo che non sia disperso nelle mani di un vasto numero di eredi o di investitori; la ricerca di metodi che possano portare ad una più vantaggiosa imposizione fiscale spinge l’imprenditore alla considerazione, seppure ancora poco diffusa in Italia, della segregazione del patrimonio familiare in un trust fund.
L’Istituto del trust nasce nel mondo anglosassone durante il periodo Medioevale, quando le Crociate portavano i cavalieri del Regno ad allontanarsi dalla patria per lunghi periodi di tempo. In questo frangente, con l’intento di salvaguardare i propri possedimenti, i signori del tempo stringevano patti di fiducia con amici fedeli ai quali affidavano le loro proprietà con il fine di vederle riconsegnate ai propri familiari, qualora non avessero fatto ritorno in patria. Il trust nel tempo si è perfezionato e plasmato secondo le esigenze del momento, servendosi dei principi che lo caratterizzano. I gruppi aziendali statunitensi l’hanno fatto proprio con l’intento di spartirsi il territorio con le altre ”potenze” del mercato, costituendo dei veri e propri monopoli, col tempo vietati dalla legge. L’Italia e molti altri Paesi del mondo hanno dato riconosciuto al trust in seguito alla ratifica della Convenzione dell’Aja avvenuta a partire dagli anni Novanta. L’Italia, come altre economie non vede l’assorbimento giuridico del trust nel Legislatore, ma solo il riconoscimento del trust quale Istituto giuridico di derivazione estera. In ogni modo il trust, in azienda, risulta essere un valido strumento per pianificare e gestire sia il passaggio generazionale sia il patrimonio aziendale, anche a scapito della perdita di proprietà definitiva o temporanea per il disponente, durante il periodo in cui il trust è valido. Particolare valore sarà riconosciuto all’inserimento del trust al vertice o lungo la catena partecipativa di un gruppo aziendale, giacché permette l’ottenimento di una serie di vantaggi utili per la blindatura societaria.
L’utilizzo del trust ha reso necessario per gli Organi di tutela dei soggetti che entrano in relazione con l’azienda e per il rispetto delle leggi interne allo stato in cui è costituito il trust, un intervento pratico volto ad individuare i principi contabili ai quali attenersi al fine del rispetto degli obblighi informativi, contabili e pubblicitari imposti a chi svolge un’attività imprenditoriale o nell’interesse di altri soggetti. Gli IAS-IFRS e l’OIC sono intervenuti in materia, per regolare le norme di adempimento dell’obbligo di rendicontazione ai soggetti destinatari dell’Istituto. Lo scopo viene raggiunto attraverso la considerazione di un esempio pratico di costruzione di bilancio per la società trustee, partendo dall’utilizzo delle scritture contabili.
L’imposizione fiscale alla quale sono assoggettati tutti coloro che producono ricchezza ha portato negli anni alla”fuga” dei capitali dal territorio nazionale a quello estero con l’obiettivo di ottenere vantaggi fiscali nel contestuale rispetto delle leggi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’elaborato nasce dall’esigenza di indagare l’Istituto del trust, il suo utilizzo e le differenze teoriche e pratiche della sua attuazione, rispetto agli istituti ad esso alternativi. L’analisi prende le mosse dal considerare, dapprima, il contesto imprenditoriale italiano, poi quello europeo e mondiale, con l’obiettivo di presentarne le varie realtà aziendali e le esigenze che da queste possono derivare. La vasta diffusione dell’imprenditoria familiare, soprattutto in Italia, ma anche in Europa e nelle maggiori economie internazionali, spinge alla considerazione dei modi e dei mezzi attraverso i quali pianificare e gestire l’ingresso della nuova generazione nel complesso aziendale. Il quadro dell’imprenditoria familiare porta il fondatore dell’azienda ad individuare, quando si decide di pianificare il passaggio generazionale, il successore soprattutto tra membri interni al nucleo familiare e lo fa con ampio tempo di anticipo rispetto all’ingresso della nuova generazione. Gli strumenti e le tecniche utilizzabili sono molteplici, ognuna delle quali ha una valenza più o meno adeguata al raggiungimento dei fini propri dell’imprenditore. Il desiderio di perpetuare la vita di ciò che con fatica è stato creato, non nel senso dell’immutabilità ma della continuità; l’esigenza di cristallizzare il patrimonio in modo che non sia disperso nelle mani di un vasto numero di eredi o di investitori; la ricerca di metodi che possano portare ad una più vantaggiosa imposizione fiscale spinge l’imprenditore alla considerazione, seppure ancora poco diffusa in Italia, della segregazione del patrimonio familiare in un trust fund. L’Istituto del trust nasce nel mondo anglosassone durante il periodo Medioevale, quando le Crociate portavano i cavalieri del Regno ad allontanarsi dalla patria per lunghi periodi di tempo. In questo frangente, con l’intento di salvaguardare i propri possedimenti, i signori del tempo stringevano patti di fiducia con amici fedeli ai quali affidavano le loro proprietà con il fine di vederle riconsegnate ai propri familiari, qualora non avessero fatto ritorno in patria. Il trust nel tempo si è perfezionato e plasmato secondo le esigenze del momento, servendosi dei principi che lo caratterizzano. I gruppi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

impresa familiare
convenzione dell'aja
trust
liechtenstein
trustee
passaggio generazionale
trust fund
de'longhi s.p.a
hilti corporation
jersey

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi