Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti finanziari della creazione e della misurazione del valore di imprese della new economy

Lo scopo di questa tesi è di analizzare i metodi di valutazione finanziaria delle imprese della new economy. Questi metodi si differenziano profondamente a seconda che l'impresa sia matura (es Microsoft), o di recente costituzione. Spesso accade, nella new economy, che un'impresa decida di quotarsi in borsa immediatamente dopo la sua nascita (cosa impensabile nell'economia tradizionale) e quindi senza avere mai realizzato un utile; come possono valutarla gli investitori? Su cosa si basano, per decidere se dare o meno la loro fiducia, e i loro soldi, ad un'impresa che per il momento dispone solo di un'idea? Dopo aver analizzato tutte le problematiche relative alla valutazione e dopo aver fornito tutte le risposte a queste problematiche, la tesi conclude che nel lungo periodo si assisterà ad una convergenza tra i metodi di valutazione ''tradizionali'' e quelli relativi alla imprese della new economy. La selezione naturale del mercato eliminerà le imprese ''perdenti'', mentre quelle che resteranno sul mercato diventeranno mature e saranno valutate con i metodi usati nella old economy (es. flussi di cassa, multipli di borsa,..).

Mostra/Nascondi contenuto.
1Introduzione Da qualche anno stiamo assistendo al verificarsi di un evento nuovo, a cui sono state date diverse definizioni: era o economia digitale, economia dell’informazione, New o Net Economy. Il fatto che lo stesso fenomeno non abbia un’unica definizione è già un segnale della sua complessità. Nella New Economy l’ambiente esterno è incerto, volatile ed in continua evoluzione, i prodotti sono facilmente imitabili (il costo di riproduzione dell’informazione è quasi nullo), si affacciano continuamente potenziali competitori, esistono nuove barriere all’entrata, si accresce il ritmo dell’innovazione, si abbrevia il ciclo di vita dei prodotti e l’incertezza diventa una variabile caratteristica; i fattori critici di successo diventano le idee, la velocità decisionale, la creatività, il management. Molte imprese sono nuove, senza passato, e spesso non si ha nemmeno la possibilità di confrontare queste imprese con altre simili e già avviate, perché si tratta, in genere, di aziende che svolgono attività e operano in mercati completamente nuovi. In questo contesto può non essere sufficiente ragionare in termini di comportamenti, o risultati, “medi” o “attesi”, tentando di ridurre le variabili

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Claudia Gheller Contatta »

Composta da 258 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2789 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 37 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.