Skip to content

Saul Kripke: analisi modale del significato

Informazioni tesi

  Autore: Sabrina Arlotta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Giuseppe Giordano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

«Oh Captain, my captain, he called, smiling.
I have discovered a truth-value that is neither true nor false, and yet both».

L’introduzione reca una citazione tratta da Jonathan Farley, giovane matematico, noto, tra l’altro, per aver applicato il sistema reticolare alla teoria della verità. Così, potremmo semplicisticamente dire che, sulle basi dell’algebra booleana, egli è giunto alla conclusione secondo cui il valore della verità non è né vero, né falso e sia vero sia falso. La verità è la pietra di paragone su cui si è giudicato il reale, in base al bipolarismo vero-falso. Ma vero e falso sanciscono, ancora nel presupposto realistico-oggettivistico della logistica, il carattere metafisico della verità interpretandola come fattualità, come esistenza. È possibile pensare che la natura epistemologica della verità emerga propriamente solo con la nascita dei paradossi, vale a dire non nel vero e nel falso ma nella loro congiunzione. La mancanza di un accordo tra linguaggio e realtà ricorda a ciascuno di noi, la verità come prodotto di un sapere separato dalla vita, nitzscheanamente intesa come invenzione. Ciò che allora si determina è la non-significanza del tutto.
La necessità è allora quella di una riconfigurazione del mondo a partire dal linguaggio, iniziando a determinare il significato dei nomi.
Lo studio del pensiero di Kripke si rivela, a tal proposito, ricco di contributi. Innanzitutto quelli da registrarsi a livello semantico. Egli muove da un’ audace critica alla teoria descrittivista per focalizzare due versioni in cui il significato è garantito. Una, per così dire, debole trasmessaci in forma di immagine del riferimento diretto, relativa ai nomi di genere. E l’altra, che chiameremo forte, formulata in rispondenza ai designatori rigidi. Questi si rivelano il campo d’applicazione più fruttuoso da un punto di vista epistemologico. Il fatto che tali nomi valgano come necessari, non solo risponde al tema di identità tra nome e significato, ma soprattutto, ci apre le porte per una disamina della nozione di necessità. Essa, come abbiamo affrontato, costituisce una vera e propria rivoluzione epistemologica. La ragione è da individuarsi nell’errata classificazione dell’apparato gnoseologico spaccato a metà tra quegli asserti analitici- ossia a priori- e quegli asserti sintetici- a posteriori. In particolare, questi ultimi sembravano soffrire del grave vizio di un apporto conoscitivo mai sufficientemente valido, evidentemente connesso alla mutevolezza del reale. La svolta Kripkeana si colloca nella stipulazione di una connessione tra analitico- in quanto necessario- e a posteriori. Gli asserti dell’astronomia- corre d’obbligo il riferimento al celeberrimo enunciato Espero = Fosforo- sono salvi!
Per concludere, la nuova nozione di necessità apre un intero regno in cui la valutazione della verità modale si connette alla logica dei mondi possibili. Kripke pensò la verità sulla base di quella struttura-modello, data da un certo modello e un insieme di mondi alternativi a cui il modello stesso appartiene, che tra i suoi numerosi pregi quello di essere formulato nei termini di un metalinguaggio, direi tradizionale, vale a dire basato sulla logica degli insiemi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA «Oh Captain, my captain, he called, smiling. I have discovered a truth-value that is neither true nor false, and yet both» 1 . Molteplici sono le trame di cui è intessuta la logica. L’obbiettivo che ci si propone è evidenziare, nella presente introduzione, alcune svolte cardine che fungono da bussola orientativa per l’analisi modale del significato in Saul Kripke. La culla della filosofia è la grecità 2 , cosi che non c’è da stupirsi nel riconoscere in Aristotele il padre della logica. Con lo Stagirita nasce quella che oggi si definisce logica formale con la quale si intende l’apodittica aristotelica, vale a dire la «dottrina della scienza deduttiva o sillogistica». 3 Essa è, in prima istanza, una questione di forme. La logica da cui si prenderà le mosse ricalca la speculazione sui cosiddetti modi di sillogismo di Barbara, Celarent, Darii e Ferio e i corrispettivi della loro necessità. Questi erano dunque sorti dalla concezione che le proposizioni scientifiche potessero avere solo due nature; erano o costituenti fissi e immutabili- le cosiddette costanti logiche- o costituenti mutevoli. 1 Johnathan Farley, The Dream of Captain Carib, The Harvad Review of Philosophy, primavera 1991. 2 È qui presente un implicito richiamo all’identificazione della Grecia come culla della civiltà. Cfr. E. Husserl, La crisi dell’umanità europea e la filosofia in La crisi delle scienze europee e la fenomenologia trascendentale, Il Saggiatore, Milano 1961. 3 F. Barone, Il neopositivismo logico, Laterza, Bari 1977, p.15.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi