Skip to content

La rivolta tunisina e i nuovi media: un caso di indagine qualitativa.

Informazioni tesi

  Autore: Anthony Quaggetto
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Comunicazione pubblica e politica
  Relatore: Cristopher Cepernich
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 214

La crescente attenzione nei confronti dei new media e delle modalità per mezzo delle quali rimodellano la politica, nazionale e internazionale, il sistema dei media e, più in generale, la nostra società e il modo in cui viviamo e interagiamo all’interno di essa, rappresenta nell’ambito degli studi inerenti la comunicazione pubblica e politica un campo di ricerca rivelatosi particolarmente florido negli ultimi anni, specie dopo l’avvento del web 2.0 capace di ampliare e dilatare il concetto di “rete” attraverso le sue peculiarità più importanti quali condivisione e partecipazione.
Questi ambienti online, e le straordinarie opportunità di condivisione e scambio d’informazioni che li caratterizzano, hanno aperto consistenti brecce nella galassia dell’informazione classica, basata ancora, in qualche misura, su di un flusso informativo monodirezionale orientato ad un pubblico percepito come indistinto e passivo.

In tal senso, il recente fenomeno della “primavera araba” che ha investito, oltre alla Tunisia, altri due Paesi del Maghreb, Libia ed Egitto, e la cui portata potrebbe aver influenzato positivamente anche alcune realtà medio-orientali (Siria su tutte), fornisce un importante spunto di ricerca e riflessione su questo tipo di dinamiche. In particolar modo, i processi di rivolta scaturiti in Egitto e Tunisia hanno visto gli utenti della rete, specie di social networks ma non solo, essere particolarmente attivi nell’organizzazione e nello sviluppo delle proteste di piazza.
Il nodo tematico dal quale muove i suoi passi questa ricerca è dunque il seguente: qual è stato il ruolo dei new media per gli esiti della rivolta tunisina che hanno portato alla cacciata del Presidente Ben Alì? Sì può effettivamente parlare, a ragione, di una rivoluzione guidata da Facebook o da Twitter?

Un'indagine qualitativa svolta su circa una ventina di tra media-attivisti, giornalisti, geeks, politici tunisini riguardo i ruoli del web 2.0 e di internet nell'economia della rivolta che ha causato la destituzione del presidente Ben Alì.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione “Oggi abbiamo mezzi di comunicazione così flessibili da potersi adattare alle nostre capacità sociali, e stiamo assistendo alla nascita di nuovi modi di coordinare attività rese più semplici da questi cambiamenti. Questo genere di strumenti comunicativi sono stati chiamati in modi diversi, tutti però condividono un tema comune: “social software”, “social media”, “social network” e così via. Sebbene esistano differenze tra queste diciture, l’idea centrale resta la stessa: viviamo nel bel mezzo di una notevole crescita della nostra abilità di condividere, di collaborare e di intraprendere azioni collettive, al di fuori dei contesti tradizionali delle istituzioni e delle organizzazioni” (Shirky, 2009:18) La crescente attenzione nei confronti dei new media e delle modalità per mezzo delle quali rimodellano la politica, nazionale e internazionale, il sistema dei media e, più in generale, la nostra società e il modo in cui viviamo e interagiamo all’interno di essa, rappresenta nell’ambito degli studi inerenti la comunicazione pubblica e politica un campo di ricerca rivelatosi particolarmente florido negli ultimi anni, specie dopo l’avvento del web 2.0 capace di ampliare e dilatare il concetto di “rete” attraverso le sue peculiarità più importanti quali condivisione e partecipazione. Ciò ha favorito la nascita di un “paradigma della rete”, utilizzato sempre più come specchio della nostra organizzazione sociale e come strumento fondamentale per la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

internet
media
attivismo
tunisia
youtube
web 2.0
ben alì
facebook
twitter
shirky
morozov
rivolta gelsomino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi