Skip to content

Endocannabinoidi e consolidamento della memoria emozionale nel ratto: meccanismi neurobiologici

Informazioni tesi

  Autore: Mimma Giaffreda
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Farmacia
  Corso: Chimica e Tecnologia Farmaceutiche
  Relatore: Vincenzo Cuomo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

Gli endocannabinoidi sono una classe di composti endogeni di natura lipidica che legano nel nostro corpo gli stessi recettori a cui si lega il principio attivo della cannabis. Questi lipidi bioattivi vengono rilasciati dai neuroni postsinaptici in seguito a depolarizzazione e si legano a recettori di membrana espressi sul neurone presinaptico: il recettore cannabinoide di tipo 1 (CB1) e di tipo 2 (CB2), la cui distribuzione anatomica riflette il ruolo funzionale dei due principali endocannabinoidi, l’anandamide e il 2-arachidonilglicerolo. I recettori CB1 sono ubiquitariamente distribuiti nel cervello, particolarmente in aree cerebrali implicate nell’apprendimento e nella memoria di tipo emozionale, tra cui l’ippocampo, l’amigdala e la corteccia prefrontale.
La neurotrasmissione cannabinoide a livello del nucleo amigdaloide basolaterale (BLA) svolge un ruolo cruciale nella modulazione dei meccanismi neurobiologici sottesi al consolidamento della memoria di eventi con una forte connotazione emotiva.
Alla luce di tali evidenze, lo scopo del lavoro è stato, in un primo momento, quello di valutare, nel ratto, se l’esposizione ad una esperienza con forte connotazione emotiva determinasse la formazione di una traccia cognitiva permanente, indice dell’avvenuto consolidamento mnemonico.
Il secondo obiettivo è stato quello di verificare se l’esposizione ad uno stimolo avversivo potesse innescare il rilascio di endocannabinoidi in amigdala, ippocampo e corteccia prefrontale. L’ultima fase del lavoro è stata focalizzata sulla determinazione del ruolo cruciale svolto dalla BLA nella modulazione dei livelli di anandamide in ippocampo e corteccia prefrontale.
Gli esperimenti sono stati condotti in ratti maschi Sprague Dawley utilizzando uno tra i più validati modelli per lo studio della memoria emozionale nel ratto, il test comportamentale di evitamento passivo. Questo test è basato su molteplici evidenze che dimostrano come l'evitamento di un'area in cui l'animale è stato esposto ad un leggero stimolo avversivo è indicativo di un ricordo della sede in cui tale stimolo è stato precedentemente ricevuto. Il presente lavoro dimostra che l’esposizione ad un’esperienza di tipo avversivo innesca la formazione di una traccia cognitiva permanente, indice dell’avvenuto consolidamento mnemonico, e che il sistema endocannabinoide è fortemente coinvolto nella modulazione dei meccanismi neurobiologici alla base di tale processo. Inoltre, in seguito ad esposizione allo stimolo avversivo, il rilascio di anandamide è diminuito nell’ippocampo e nella corteccia prefrontale dei ratti lesionati in BLA e aumentato nelle stesse aree cerebrali degli animali non lesionati. Questa evidenza sperimentale indica che la BLA svolge un ruolo cruciale nella neurobiologia del consolidamento della memoria di tipo emozionale, modulando il tono cannabinoide nelle altre due aree cerebrali reclutate in tale processo. In conclusione, tali risultati suggeriscono il potenziale coinvolgimento del signalling dell’anandamide nella neuromodulazione del consolidamento della memoria di tipo emozionale. In questo processo mnemonico in seguito all’esposizione ad un’esperienza fortemente avversiva, l’integrità anatomo-funzionale della BLA è determinante per il rilascio di anandamide in ippocampo e corteccia prefrontale, in seguito all’esposizione ad un’esperienza fortemente stressogena.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. IL SISTEMA ENDOCANNABINOIDE 1.1 CENNI STORICI La cannabis sativa (Cannabis) o canapa indiana, comunemente nota con il suo nome americano, marijuana, è una pianta apprezzata e coltivata da millenni, inizialmente come fibra tessile e in seguito per le proprietà curative e soprattutto inebrianti, sfruttate, quest‟ultime, in contesti religiosi e ricreativi (Kalant, 2001). La prima testimonianza relativa all‟uso di Cannabis è stata rinvenuta in Cina e risale al 4000 a.C. (Zuardi, 2006). Infatti nella più antica farmacopea del mondo, il “e pen- t s ’ao ching”, sono riportate le indicazioni della Cannabis sia come medicamento che come sostanza psicoattiva (Zuardi, 2006). Dall‟Asia centrale l‟uso di questa pianta si è poi diffuso in India, in Asia minore e nel continente africano (Kalant, 2001). In ogni epoca della storia e a tutte le latitudini la pianta di canapa ha fornito fibre tessili. Nelle società arcaiche e nelle culture tribali i suoi estratti sono stati adoperati a scopo inebriante in cerimonie rituali e, come è accaduto a molte altre piante di facile coltivazione o reperimento, è divenuta una panacea. In India la Cannabis veniva usata come narcotico, in base alle credenze religiose che la consideravano una pianta sacra, fonte di serenità e di gioia e con azione catartica verso le forze del male e tentatrici dell‟animo (Touw, 1981). Tale pianta era anche alla base dell‟armamentario terapeutico della medicina tradizionale indiana, in virtù dei molteplici effetti terapeutici identificati: sedativo, ansiolitico, rilassante, anticonvulsivante, analgesico, stimolante l‟appetito, antipiretico ed antibatterico (Kalant, 2001). Invece, nel mondo occidentale il riconoscimento del valore terapeutico della Cannabis è da ricondursi agli esperimenti condotti nei primi del 900 dal fisico irlandese William B. O'Shaughnessy e che misero in luce l‟efficacia di questa pianta nel trattamento di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

neurobiologia
endocannabinoidi
consolidamento della memoria
memoria emozionale
amigdala basolaterale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi