Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fluorescenza X nel campo dei beni culturali

Oggetto del presente lavoro di tesi è l’applicazione della tecnica di fluorescenza a raggi X (XRF) su reperti di interesse storico-artistico di differente tipologia, prestando particolare attenzione all’uso delle strumentazioni portatili.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE In passato, lo studio di un bene culturale veniva effettuato esclusivamente valutandone gli aspetti storici ed artistici, sia che si trattasse di un manufatto che di un sito archeologico. Peraltro, gli unici interessi rivolti a mantenere nel tempo lo splendore o l’espressività del reperto erano concretizzati essenzialmente tramite approcci per lo più empirici. Solo in tempi recenti si è raggiunta la consapevolezza che un’opera artistica non è costituita solamente dall’oggetto in considerazione, ma anche dall’ambiente in cui essa è stata rinvenuta e dai materiali utilizzati per la sua conservazione ed, eventualmente, per il suo restauro. È stato soprattutto grazie all’evoluzione della tecnologia che si è raggiunta questa nuova cognizione, per poter meglio interpretare un bene artistico, e poterne prolungare la durata nel tempo, accostando in modo sinergico alle discipline storico-artistiche quelle di natura scientifica. Oggigiorno è pertanto possibile mantenere l’espressività ed il messaggio artistico contenuto in un’opera, confermarne o meno l’autenticità, e contribuirne alla conoscenza storica e tecnica. La fisica, insieme ad altre discipline scientifiche, permette di indagare l’aspetto più profondo di un’opera d’arte, di addentrarsi all’interno della sua natura materiale, fino ad arrivare ai costituenti elementari del bene culturale. In questo modo è possibile non solo identificare le sostanze che hanno dato alla

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Giovanni Rinaldi Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 660 click dal 22/01/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.