Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il modello di Black & Litterman nel processo di ottimizzazione di portafoglio

Il fulcro del presente lavoro è stato la trattazione del modello di Black & Litterman, come punto di svolta rispetto a quello di Markowitz, tracciando le sue basi teoriche e individuando, grazie ad una simulazione di mercato, le sue caratteristiche operative e i suoi punti di forza. [...]
Il lavoro è articolato in quattro capitoli.
Il primo capitolo presenta la teoria dell’asset allocation per poi focalizzare l’attenzione sull’asset allocation tattica e sulla portfolio construction, seguendo un grado di approfondimento via via maggiore.
Il secondo tratta l’allocazione tattica secondo l’approccio proposto nel 1952 da Markowitz.
Lo scopo di questo capitolo è contestualizzare il modello di Black & Litterman, tematica centrale e punto di arrivo dell’intera trattazione, evidenziando i punti di forza e, allo stesso tempo, le difficoltà applicative che contraddistinguono l’ottimizzazione à la Markowitz, fino a chiarire i motivi che spingono gli operatori a utilizzarla con molta cautela.
L’excursus sulla teoria dell’asset allocation si conclude con la presentazione del modello di Black & Litterman, nel terzo capitolo, e con una sua applicazione pratica, nel quarto ed ultimo capitolo.
Tale esempio pratico chiarisce appieno le potenzialità espresse dal modello di Black & Litterman, con il fine ultimo di verificare la consistenza e la convenienza economica del modello.
Occorre, tuttavia, rammentare che la simulazione esposta nel presente lavoro offre, semplicemente, un esempio del funzionamento del modello: ogni osservazione di carattere più generale deve essere sempre rapportata al contesto nel quale prende vita e al periodo storico in cui si opera.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Capitolo 1 Introduzione all’asset allocation “Asset allocation is a decision-making process in which the investment funds of an individual or a group of individuals are allocated to investment categories rather than to individual assets” Keit V. Smith 1.1. Definizione generale Nell’ambito della costruzione di un portafoglio titoli diversificato, il processo di asset allocation riveste un ruolo essenziale, rappresentando il momento in cui si effettuano le scelte di investimento ai fini dell’ottenimento di obiettivi espressi in termini di rischio-rendimento. Studi svolti nei primi anni ‘90 da Brinson e Beebower hanno dimostrato che il 90% della performance di portafoglio scaturisce dalle strategie manageriali di asset allocation: dall’osservazione di alcuni fondi pensione e fondi comuni essi hanno constatato che la quasi totalità delle variazioni dei rendimenti era connessa al metodo di scelta delle categorie d’investimento piuttosto che ad operazioni di “fine tuning” 3 settoriali. Molteplici sono gli studi e gli approcci all’analisi proposti. La suddivisione del mercato dei titoli piø semplice per l’asset allocation è in due categorie: le azioni (stock), titoli di rischio che conferiscono la 3 Per fine tuning si intende una perfetta sintonia e, nel caso di specie, si rimanda ad una classificazione specifica per settore.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Angela Dibitonto Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3080 click dal 23/01/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.