Skip to content

Irpinia Anno Zero. Come il terremoto del 1980 ha cambiato l’economia del territorio negli ultimi trent’anni

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Ceglia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia, Lettere, Scienze Umanistiche e Studi Orientali
  Relatore: Stefano Lepri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

Ha ancora senso oggi occuparsi del sisma del 1980 anche sul piano prettamente politico: la catastrofe e la conseguente emergenza costituirono il pretesto per individuare e adottare procedure di spesa sempre più sbrigative; procedure che nei fatti avrebbero di lì a poco sortito l'effetto opposto, con un allungamento pluridecennale dei tempi di ricostruzione. L'intricata rete di norme, emendamenti e regolamenti attuativi da un lato consentì ai politici di gestire e smistare grosse somme di denaro in modo del tutto discrezionale, e dall'altro diede vita a sprechi e nuove forme di corruzione. Una buona mano a questa macchina infernale la diedero le decine e decine di forme di conflitto d'interessi e accumulo di cariche pubbliche, sia a livello locale che su scala nazionale (è il caso dei sindaci-tecnici o, ancora peggio, dei sindaci-ministri!). La diretta conseguenza fu che proprio in quegli anni la Lega Nord (inizialmente tramite la "Lega Lombarda", fondata nel 1982) iniziò a raccogliere i primi consensi, stigmatizzando quanto di negativo veniva emergendo dalle regioni colpite dal sisma.

Se da una parte il sisma introdusse elementi di grande novità per il Paese, per la provincia più colpita – quella di Avellino – rappresentò l'anno zero. Il 1980 fu il punto di non ritorno per l'Irpinia, la data che divise la storia di questa terra in un "prima" e in un "dopo" ben distinti.
Prima del sisma la provincia avellinese era una delle più povere d'Italia, con un'economia basata sull'agricoltura e le rimesse degli immigrati, con una presenza criminale quasi nulla ma con una rappresentanza politica di primo piano.
Dopo il sisma, la provincia vive una decennale bulimia miliardaria, assiste a uno scriteriato piano di sviluppo industriale (che ne minerà per anni la vocazione agricola e artigianale) e consente l'entrata della camorra nei propri territori, deturpati dal punto di vista sociale, politico, economico e ambientale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Ha ancora senso occuparsi di un evento sismico avvenuto oltre trent‟anni fa? Una risposta a questa non facile domanda può arrivare solo dopo una dettagliata analisi di quello che il terremoto del 1980 ha rappresentato sia per l‟Irpinia che per l‟Italia intera. Il sisma del 23 novembre ha contribuito più di ogni altra catastrofe a creare trasformazioni e accelerare dinamiche che si sarebbero verificate probabilmente in modalità differenti e in un lasso di tempo molto più ampio. Per quanto controverse, queste mutazioni hanno inserito elementi di novità che ancora oggi si ripercuotono sulla vita di tutti i cittadini italiani. Si pensi all‟istituzione, a un anno e mezzo dal sisma, del Ministero per il Coordinamento della Protezione Civile: nato come diretta conseguenza dell‟inefficace macchina dei soccorsi in Irpinia, è stato il primo rilevante tassello verso la creazione dell‟odierno Servizio Nazionale della Protezione Civile, un organo imprescindibile in un Paese il cui territorio è sottoposto per il 70% a rischi di natura ambientale. Al netto della trasformazione della Protezione civile in società per azioni e della discutibile gestione sotto Guido Bertolaso, la maggiore rapidità nell‟attivazione dei soccorsi – 6 ore per l‟Irpinia, 3 minuti per L‟Aquila – ha contribuito nel corso degli anni al contenimento del numero di vittime in seguito a calamità. Se da un lato il terremoto ha reso più celere la creazione di un istituto fondamentale come il Dipartimento della Protezione Civile, dall‟altro ha favorito la metamorfosi e il rafforzamento della criminalità organizzata su tutti i fronti. Grazie al sisma le famiglie camorristiche campane si trasformarono in vere e proprie holding, con un controllo capillare su

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

economia
provincia
fondi
crisi
industrializzazione
campania
ricostruzione
territorio
sisma
irpinia
criminalità
contributi
camorra
terremoto
basilicata
avellino
1980
scossa
conza
banca popolare dell'irpinia
ciriaco de mita
paolo cirino pomicino
anno zero

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi