Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Esiti analisi e commento degli infortuni sul lavoro accaduti nel territorio di competenza dell'azienda ULSS n°16 di Padova nel comparto alimentare durante l'utilizzo di macchine

Il presente lavoro di tesi si propone di verificare l'efficacia delle indagini d'infortunio sul lavoro svolte dal tecnico della prevenzione, in particolare nei casi avvenuti nel comparto alimentare, e di studiare le cause che hanno determinato l'evento stesso.

Mostra/Nascondi contenuto.
Matteazzi Dora - 1 - INTRODUZIONE Il Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (S.P.I.S.A.L.) è un organo di vigilanza e promozione della salute dei lavoratori che si occupa della prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali e della vigilanza sull'attuazione delle norme di prevenzione. Uno dei compiti del servizio è quello di accertare le cause e le responsabilità nei casi di infortunio e malattie professionali. Il Tecnico della Prevenzione nell’Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (T.P.A.L.L.), operante allo S.P.I.S.A.L. con la qualifica di Ufficiale di Polizia Giudiziaria, al verificarsi di un infortunio sul lavoro svolge le attività d'indagine, finalizzate all’individuazione dei profili di colpa ed all’accertamento della sussistenza della procedibilità penale, procedendo:  all’immediata ispezione dei luoghi con redazione di accurato verbale descrittivo dello stato degli stessi accompagnato almeno da rilievi fotografici e video;  all’acquisizione di sommarie informazioni da parte di tutte le persone presenti per accertare perlomeno la dinamica dell’infortunio, la condotta dell’infortunato, le prassi aziendali relative alla mansione dell’infortunato, l’esistenza di eventuali precedenti infortuni;  all’acquisizione di tutta la documentazione utile come minimo a individuare il titolare o legale rappresentante della ditta e descrivere l’organigramma aziendale, individuare l’esistenza di eventuali deleghe in materia di sicurezza sul lavoro, verificare se si è ottemperato all’obbligo formativo dei lavoratori, preposti e dirigenti. Il T.P.A.L.L. in veste di Ufficiale di Polizia Giudiziaria deve, anche di propria iniziativa, prendere notizia dei reati, impedire che vengano portati a conseguenze ulteriori, ricercarne gli autori, compiere gli atti necessari per assicurare le fonti di prova e raccogliere quant'altro possa servire per l'applicazione della legge penale ex art. 55 comma 1 C.P.P. L’adozione di un protocollo operativo d’indagine standard risulta essere di fondamentale importanza: modalità diverse nello svolgere l’indagine infortunio possono determinare differenze nei riconoscimenti dei diritti delle vittime d’infortunio sul lavoro. Il presente studio si occuperà, nei primi capitoli, di analizzare il “Protocollo operativo per la gestione degli infortuni” dell'U.L.S.S. 16 di Padova e di descrivere le fasi principali in cui si articola il procedimento penale. Nel seguito verranno prese in considerazione le macchine e attrezzature coinvolte nei casi d'infortunio avvenuti nel comparto alimentare, le loro modalità di funzionamento ed i dispositivi di sicurezza installati.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Dora Matteazzi Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2127 click dal 30/01/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.