Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cessione della cubatura

Alcune sentenze della Cassazione, tra cui quelle del 6 luglio 1972 n. 2235, 9 marzo 1973 n. 641, riproposero all’attenzione della dottrina e della pratica l’importante questione dei trasferimenti o cessioni di cubatura.
Secondo la definizione che si ricava dalle suindicate pronunce, tale fattispecie giuridica si realizza quando il proprietario di un’area, rinuncia dietro corrispettivo, a costruire sulla medesima, completamente o parzialmente, consentendo, con l’autorizzazione del comune, che il proprietario di un altro fondo costruisca sul medesimo, usufruendo di una volumetria (o cubatura) maggiore, di quella che gli spetterebbe secondo le prescrizioni stabilite dalle norme in materia di densità edilizia.
Tali norme, infatti, stabiliscono il rapporto tra la superficie dell’area ed il volume edificabile in ciascuna zona, la quale non subisce mutamenti concernenti la cubatura perché questa viene computata in quella complessiva della zona stessa e non della singola area.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1.Premessa. Alcune sentenze della Cassazione, tra cui quelle del 6 luglio 1972 n.2235,9 marzo 1973 n.641, riproposero all’attenzione della dottrina e della pratica l’importante questione dei trasferimenti o cessioni di cubatura. (1) Secondo la definizione che si ricava dalle suindicate pronunce, tale fattispecie giuridica si realizza quando il proprietario di un’area, rinuncia dietro corrispettivo, a costruire sulla medesima, completamente o parzialmente, consentendo, con l’autorizzazione del comune, che il proprietario di un altro fondo costruisca sul medesimo, usufruendo di una volumetria (o cubatura) maggiore, di quella che gli spetterebbe secondo le prescrizioni stabilite dalle norme in materia di densità’ edilizia. (2) Tali norme, infatti, stabiliscono il rapporto tra la superficie dell’area ed il volume edificabile in ciascuna zona, la quale non subisce mutamenti concernenti la cubatura perché questa viene computata in quella complessiva della zona stessa e non della singola area.(3) (1) Picco-Marocco, I cosiddetti trasferimenti di cubatura, in riv. Not. Del 1974 p.676. Ceccherini, Il c.d. trasferimento di cubatura, Giuffrè, 1985 (2)Pubblicate in rivista de notariato, Anno XXVII, n.6, novembre-dicembre 1973, p.1165 e seg. (3)Iannelli, Le violazioni edilizie amministrative, civili e penali, p.197

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Allaria Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3575 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×