Skip to content

La colpa innocente. Lo sguardo cinematografico sulle interferenze ambientali nello sviluppo adolescenziale: Loach, Jordan, Bellocchio, Van Sant

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Nazzari
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Stefano Ferrari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

Quando si parla di violenza e di devianza giovanile è doveroso accantonare le interpretazioni comode e semplicistiche della tara caratteriale, della predisposizione innata, della cattiveria - tradizione interpretativa che va per altro dal peccato originale secondo Sant’Agostino fino alla pulsione di morte freudiana - e piuttosto avere il coraggio di ripensare i presupposti, i modelli, la cultura di una società che, come dice Erikson, fa dell’educazione uno strumento per perpetuare se stessa.

Ho voluto analizzare le declinazioni che questo tema assume in quattro film che si distinguono per la ricchezza di sfumature e per la complessità con cui viene trattato l'argomento. Protagonisti sono gli adolescenti, perché proprio nell’adolescenza, con la riorganizzazione pulsionale, i nuovi investimenti oggettuali e i tentativi di definire un’identità propria, emergono i conflitti e le problematiche che dall’infanzia erano rimaste per lo più latenti. Attraverso l’analisi di questi quattro film è possibile focalizzare l’attenzione su tematiche specifiche e allo stesso tempo cogliere lo sviluppo diacronico delle impostazioni educative dalla monoliticità della famiglia borghese, di assetto edipico, carica di tensioni ma obbligatoriamente unita, allo spaesamento post sessantottino.
Stereotipizzazione rassicurante, provincialismo senza speranza, colpevolizzazione della vittima, fenomenologia del vuoto interiore: quattro aspetti dell’esperienza adolescenziale, nel confronto - scontro col mondo esterno. Quattro risvolti di un modello educativo occidentale che, per il bene dei propri figli e della società stessa , farebbe bene a ripensare radicalmente i suoi principi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La storia del cinema mondiale annovera centinaia di film dedicati al mondo giovanile. Nella sua straordinaria capacità di descrivere le grandi trasformazioni sociali, il cinema ne ha seguito la parabola, le problematicità, i cambiamenti, le crisi. A partire da una gioventù spensierata, come quella del cosiddetto “neorealismo rosa”, che, nel secondo dopoguerra, dimentica i rigori e le sofferenze del conflitto mondiale e si dedica agli amori, alle abitudini, alle piccole gelosie. Si fa largo la descrizione di un rapporto con la realtà come deformazione caricaturale dei suoi aspetti più pittoreschi e innocuamente popolari, che trova il proprio sfondo ideale in una provincia dominata dal campanile e da antichi e solidi valori contadini, appena turbati dall'incedere della modernità. Diversa la situazione nel cinema hollywoodiano degli anni ’50. Attraverso i volti dei nuovi divi Marlon Brando e James Dean, i timori dell’America maccartista si traducono cinematograficamente nella descrizione di vite disordinate, anticonvenzionali, sradicate da qualsiasi contesto. L’effetto è piuttosto antirealistico in verità, a causa di una recitazione da Actor’s studio fatta di mimica plateale, discorsi retorici ed eccessiva stilizzazione. E anche il messaggio è contraddittorio, all’apparenza contestatario ma sotto sotto profondamente conservatore: la ribellione non è contro lo status quo, ma contro la difficoltà di farne parte, aspirazione che i giovani protagonisti continuano ad esprimere. E Hollywood suggerisce come la soluzione e la scelta giusta sia la fiducia nel potere, nell’autorità, pacificante e chiarificatrice. Parallelamente il melodramma, su tutti i drammi di Douglas Sirk, descrive lo sgretolamento della famiglia patriarcale di stampo borghese nell’impatto con l’economia industriale. Il quadro è ancora molto convenzionale e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

violenza
cinema
adolescenza
marco bellocchio
gus van sant
ken loach
neil jordan
i pugni in tasca
elephant
the butcher boy

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi