Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il riuso degli elementi strutturali in acciaio, tra progettazione architettonica e sostenibilità ambientale

Il progetto di strutture gioca un ruolo importante nella sostenibilità dell’architettura. L’utilizzo di materiali da costruzione come l’acciaio e il cemento armato determina grandi consumi energetici, oltre che emissioni di CO2 dovuti sia al processo produttivo che al trasporto. Inoltre, i rifiuti da costruzione e demolizione possono ulteriormente aggravare i costi ambientali. Per queste ragioni, si è recentemente affermata la tendenza a scegliere da un lato materiali più sostenibili (come il legno) e dall’altro a incentivare le strategie di riuso. In questo lavoro, è affrontata l’applicabilità di questo secondo approccio. In particolare viene sviluppato il tema del riuso degli elementi strutturali in acciaio attraverso la presentazione di un caso studio sviluppato in sede di Tesi. Questo consiste nel progetto della nuova stazione ferroviaria di Genova Voltri (previsto dal piano regolatore), basato sul riutilizzo degli elementi strutturali del limitrofo capannone metallico della Verrina, in fase di dismissione e demolizione. Attraverso il caso studio, vengono affrontati sia l’aspetto della fattibilità tecnica (tecniche di smontaggio, riuso degli elementi e trattamenti chimici), sia la progettazione strutturale e le tematiche ambientali.

Mostra/Nascondi contenuto.
CANDIDATA Margherita Pongiglione Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova Corso di laurea Magistrale in Architettura RELATRICE Prof.ssa Chiara Calderini CORRELATORI Prof. Adriano Magliocco Prof. Andrea Giachetta

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Architettura

Autore: Margherita Pongiglione Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1311 click dal 01/02/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.