Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Funzionalismo di Hilary Putnam

“Mente” e “corpo” rappresentano uno storico problema dall’antichità ad oggi. Si tratta di un argomento affrontato da pensatori come Platone, Democrito, Aristotele, gli Stoici, Cartesio e così via. Oggi esiste una filosofia della mente in cui il termine mente diventa un concetto sottoponibile ad uno studio empirico.
In questo elaborato affronto il problema del mentale attraverso gli studi e l’esperienza di uno dei maggiori filosofi contemporanei, Hilary Putnam, le cui affascinanti esposizioni teoriche e le numerose evoluzioni del suo pensiero portano, a mio avviso, ad una continua e personale “rivoluzione conoscitiva”. Il tema centrale della riflessione putnamiana è certamente il Realismo, che si presenta come un particolare atteggiamento nei confronti delle entità comprese nel campo d’indagine di una certa disciplina, in particolare nel ritenere che le entità in questione siano dotate di una loro esistenza. Il suo Realismo assume delle posizioni contrastanti, passando da una prospettiva esternalista ad una internalista; partendo dalla confutazione dell’idea metafisica del linguaggio, arriva alla considerazione della mente come un complesso di capacità conoscitive.
Il concetto di funzione permette a Putnam di dirigere la propria meditazione dal concetto di significato al problema dei rapporti mente-corpo.
In questo elaborato affronto perciò il Funzionalismo, il cui primo approccio è caratterizzato dall’idea secondo cui “la mente sta al cervello come il software sta all’hardware”. Putnam cercò di immaginare la mente come un software e il cervello come un supporto di implementazione, quindi di minore importanza.
Così, secondo il primo approccio funzionalista, uno stato psicologico (“credere che”, “desiderare che” , ecc. ) era identificabile con uno stato della Macchina di Turing, ossia una macchina astratta, ideata da Alan Turing, che manipola dei dati contenuti su un nastro di lunghezza infinita, secondo un insieme di regole ben definite. Lo stato psicologico causerebbe allora altri stati in accordo con gli stati della macchina, dando così una forma compiuta ad un’idea che attraversa la storia del pensiero da Hobbes, secondo cui ogni evento mentale ha il suo fondamento fisico, a Turing, secondo cui “pensare è calcolare”.
La teoria del Funzionalismo nasce dalle critiche che Putnam muove nei confronti delle due teorie che dominarono la discussione filosofica fino alla metà dello scorso secolo, Riduzionismo e Dualismo. Il Riduzionismo proponeva di studiare la mente riducendolo a oggetto della fisica, mentre il Dualismo, che fonda le sue origini in Cartesio, considera mente e corpo come due sostanze ontologicamente separate, res cogitans e res extensa, ma caratterizzate da una stretta interazione (dualismo interazionista).
Questo primo approccio funzionalista computazionale verrà, poi, abbandonato dallo stesso Putnam che inizierà a riconsiderarlo, valutandolo una forma di riduzionismo, seppur di diverso genere. Eppure, molta della ricerca contemporanea, in scienza cognitiva, presuppone proprio il Funzionalismo nella prima formulazione di Putnam che, anzi, ha avuto un ruolo determinante nella nascita di questa scienza.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE “Mente” e “corpo” costituiscono i temi essenziali del problema del mentale, dall’antichità ad oggi; hanno mutato di nome, nel corso del tempo, e sono diventati materia pensante, res cogitans, e materia estesa, res extensa, ma hanno mantenuto, in qualche modo, stabile il loro significato e la contrapposizione che li connota. Dunque, la filosofia della mente tratta delle profondi questioni circa la natura dei rapporti tra anima e corpo, a cui vengono ricondotte tutte quelle idee prodotte, in secoli di storia della filosofia, da illustri pensatori tra cui Platone, Democrito, Aristotele, gli Stoici, Cartesio, e cosi via. Prima della concezione cartesiana, la filosofia dominante era quella di Aristotele e la sua dottrina dell’ “Ilomorfismo”; questa dottrina spiega come ogni cosa che si trovi inserita nel ruolo dell’anello di una catena, possa essere sia realizzazione formale di qualcosa di meno organizzato sia il materiale potenziale per la realizzazione di qualcosa di più organizzato. La catena prevede, logicamente, una materia assoluta massimamente entropica e una forma assoluta che è forma di sé stessa, e quindi divina. Per l’ilomorfismo non ha senso parlare di una psyche distinta dal corpo; un corpo senza psyche è semplicemente un’altra cosa, un cadavere, e la psyche senza corpo non realizza più nulla e quindi, di fatto, non esiste. La psyche è “realizzazione prima” perché Aristotele distingue tra possedere una funzione (realizzazione prima) ed esercitare una funzione (realizzazione seconda). Ad esempio, chi sta dormendo o è svenuto non esercita tutta una serie di funzioni, tra cui percepire gli

Laurea liv.I

Facoltà: Filosofia

Autore: Monica Napolitano Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2967 click dal 12/02/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.