Skip to content

Il Funzionalismo di Hilary Putnam

Informazioni tesi

  Autore: Monica Napolitano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Roberto Cordeschi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

“Mente” e “corpo” rappresentano uno storico problema dall’antichità ad oggi. Si tratta di un argomento affrontato da pensatori come Platone, Democrito, Aristotele, gli Stoici, Cartesio e così via. Oggi esiste una filosofia della mente in cui il termine mente diventa un concetto sottoponibile ad uno studio empirico.
In questo elaborato affronto il problema del mentale attraverso gli studi e l’esperienza di uno dei maggiori filosofi contemporanei, Hilary Putnam, le cui affascinanti esposizioni teoriche e le numerose evoluzioni del suo pensiero portano, a mio avviso, ad una continua e personale “rivoluzione conoscitiva”. Il tema centrale della riflessione putnamiana è certamente il Realismo, che si presenta come un particolare atteggiamento nei confronti delle entità comprese nel campo d’indagine di una certa disciplina, in particolare nel ritenere che le entità in questione siano dotate di una loro esistenza. Il suo Realismo assume delle posizioni contrastanti, passando da una prospettiva esternalista ad una internalista; partendo dalla confutazione dell’idea metafisica del linguaggio, arriva alla considerazione della mente come un complesso di capacità conoscitive.
Il concetto di funzione permette a Putnam di dirigere la propria meditazione dal concetto di significato al problema dei rapporti mente-corpo.
In questo elaborato affronto perciò il Funzionalismo, il cui primo approccio è caratterizzato dall’idea secondo cui “la mente sta al cervello come il software sta all’hardware”. Putnam cercò di immaginare la mente come un software e il cervello come un supporto di implementazione, quindi di minore importanza.
Così, secondo il primo approccio funzionalista, uno stato psicologico (“credere che”, “desiderare che” , ecc. ) era identificabile con uno stato della Macchina di Turing, ossia una macchina astratta, ideata da Alan Turing, che manipola dei dati contenuti su un nastro di lunghezza infinita, secondo un insieme di regole ben definite. Lo stato psicologico causerebbe allora altri stati in accordo con gli stati della macchina, dando così una forma compiuta ad un’idea che attraversa la storia del pensiero da Hobbes, secondo cui ogni evento mentale ha il suo fondamento fisico, a Turing, secondo cui “pensare è calcolare”.
La teoria del Funzionalismo nasce dalle critiche che Putnam muove nei confronti delle due teorie che dominarono la discussione filosofica fino alla metà dello scorso secolo, Riduzionismo e Dualismo. Il Riduzionismo proponeva di studiare la mente riducendolo a oggetto della fisica, mentre il Dualismo, che fonda le sue origini in Cartesio, considera mente e corpo come due sostanze ontologicamente separate, res cogitans e res extensa, ma caratterizzate da una stretta interazione (dualismo interazionista).
Questo primo approccio funzionalista computazionale verrà, poi, abbandonato dallo stesso Putnam che inizierà a riconsiderarlo, valutandolo una forma di riduzionismo, seppur di diverso genere. Eppure, molta della ricerca contemporanea, in scienza cognitiva, presuppone proprio il Funzionalismo nella prima formulazione di Putnam che, anzi, ha avuto un ruolo determinante nella nascita di questa scienza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE “Mente” e “corpo” costituiscono i temi essenziali del problema del mentale, dall’antichità ad oggi; hanno mutato di nome, nel corso del tempo, e sono diventati materia pensante, res cogitans, e materia estesa, res extensa, ma hanno mantenuto, in qualche modo, stabile il loro significato e la contrapposizione che li connota. Dunque, la filosofia della mente tratta delle profondi questioni circa la natura dei rapporti tra anima e corpo, a cui vengono ricondotte tutte quelle idee prodotte, in secoli di storia della filosofia, da illustri pensatori tra cui Platone, Democrito, Aristotele, gli Stoici, Cartesio, e cosi via. Prima della concezione cartesiana, la filosofia dominante era quella di Aristotele e la sua dottrina dell’ “Ilomorfismo”; questa dottrina spiega come ogni cosa che si trovi inserita nel ruolo dell’anello di una catena, possa essere sia realizzazione formale di qualcosa di meno organizzato sia il materiale potenziale per la realizzazione di qualcosa di più organizzato. La catena prevede, logicamente, una materia assoluta massimamente entropica e una forma assoluta che è forma di sé stessa, e quindi divina. Per l’ilomorfismo non ha senso parlare di una psyche distinta dal corpo; un corpo senza psyche è semplicemente un’altra cosa, un cadavere, e la psyche senza corpo non realizza più nulla e quindi, di fatto, non esiste. La psyche è “realizzazione prima” perché Aristotele distingue tra possedere una funzione (realizzazione prima) ed esercitare una funzione (realizzazione seconda). Ad esempio, chi sta dormendo o è svenuto non esercita tutta una serie di funzioni, tra cui percepire gli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

intelligenza
teoria della mente
riduzionismo
alan turing
hilary putnam
realismo metafisico
realismo diretto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi