Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio delle fattibilità tecniche ed economiche del feedwater repowering in centrali termoelettriche a vapore

Il seguente lavoro di tesi ha come oggetto di studio una centrale termoelettrica con generatore di vapore alimentato a polverino di carbone. L’obiettivo è quello di sfruttare al massimo la centrale già esistente, attraverso un intervento di repowering. L’idea è quella di utilizzare l’energia termica contenuta nei fumi di scarico della turbina a gas, dotati di una notevole portata massica ed elevato livello termico, per incrementare la produttività di un impianto a vapore esistente.
In questa sede si porrà particolare attenzione sul “Feedwater Repowering”, che consiste nell’impiego dell’energia termica residua per il preriscaldamento dell’acqua di alimento in ingresso al generatore di vapore, riducendo o eliminando alcuni spillamenti di vapore in turbina. In tal modo si incrementa la portata di vapore, soprattutto nella turbina di bassa pressione, aumentando la potenza dell’impianto preesistente.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione | Pag. 1 Introduzione La sempre più elevata richiesta di energia a partire dal boom economico degli anni ’60 ha fatto si che in Italia ci sia stata una enorme diffusione degli impianti termoelettrici, favorita anche da un allora ridotto costo del petrolio. In quegli anni la produzione da idroelettrico, che rappresentava la maggiore fonte di produzione, venne superata dal termoelettrico, fino ad andare a coprire i tre quarti del fabbisogno energetico nazionale, situazione rimasta praticamente immutata fino ad oggi. Nelle centrali termoelettriche, le turbine a vapore coprono circa il 65% sia in termini di potenza totale installata che di produzione elettrica effettiva totale, mentre quella da semplice turbina a gas sfiora il 10%. La restante percentuale è interessata da impianti a ciclo combinato. Fig. I.1 – Storico della produzione di energia in Italia dal 1950 [1]

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Gabriele Carnicelli Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 741 click dal 14/02/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.