Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sicurezza urbana e coesione sociale: sfide e opportunità

La sicurezza è un tema che suscita grande preoccupazione perché attiene alla vita personale e sociale di tutti. Il problema della sicurezza delle città, dalle grandi metropoli sino ai più piccoli centri urbani, ha sollecitato negli ultimi anni un’attenzione crescente da parte degli studiosi, degli analisti, degli organi di informazione, delle singole comunità.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La sicurezza è un tema che suscita grande preoccupazione perché attiene alla vita personale e sociale di tutti. Il problema della sicurezza delle città, dalle grandi metropoli sino ai più piccoli centri urbani, ha sollecitato negli ultimi anni un’attenzione crescente da parte degli studiosi, degli analisti, degli organi di informazione, delle singole comunità. Il contesto italiano ha conosciuto, contrariamente a quanto è avvenuto in altri paesi europei, uno scarso allarme sociale ed una percezione ridotta di insicurezza relativamente alla devianza ed alla delinquenza giovanile. In altri paesi europei, infatti, il connubio “violenza giovanile- insicurezza urbana” è stato ampiamente diffuso e sostenuto ed ha rappresentato uno dei campi di discussione più difficili da gestire. Nel nostro paese i temi della insicurezza urbana si sono, almeno fino ad un periodo recente, decisamente concentrati su altre figure del pericolo, e precisamente gli immigrati, dei quali si percepiva il dato etnico e la notevole differenziazione culturale. Prima degli anni Novanta, infatti, la condizione giovanile era interpretata come scarsamente problematica sul piano della pericolosità e dell’allarme sociale. Dalla metà degli anni Novanta, invece, il discorso pubblico e l’attenzione istituzionale si sono gradualmente allontanate da una idea del giovane come soggetto immaturo, che metteva a rischio soprattutto se stesso (una visione che rimane tuttavia forte nel contesto italiano) per assumere una percezione che lo considera come un soggetto pericoloso anche per gli altri. Oggi, al contrario, l’analisi delle forme del divertimento giovanile nello spazio pubblico e della percezione di questo comportamento in maniera problematica rappresenta una delle tematiche fondamentali del dibattito socio-politico. Nel contesto italiano, infatti, esso è la spia di 4

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Valentina Piccinni Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1390 click dal 15/02/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.