Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Industria dell'auto tra passato e futuro: strategia di innovazione e cooperazione

L’industria dell’auto, nonostante l’affermazione di altri settori industriali, rimane uno dei pilastri dell’industria manifatturiera a livello globale e manterrà questo ruolo ancora per lungo tempo.
L’importanza a livello mondiale, dal punto di vista economico e occupazionale, dell’industria automobilistica è alla base di questo di lavoro di tesi. In particolare, si vuole capire quali sono le prospettive future del settore auto alla luce delle difficoltà attuali del mercato auto.
Riguardo a questo presupposto è stato sviluppato un lavoro di tesi che, attraverso l’analisi dell’evoluzione strutturale della domanda e offerta di automobili, ha cercato di delineare un quadro completo dell’industria dell’automobile a livello globale.
In questo frangente, particolare attenzione è stata posta sulle strategie di innovazione, cooperazione e internazionalizzazione, quali fattori di competitività di lungo periodo nel settore auto.
Nella tesi sono state analizzate le strategie industriali, commerciali, finanziarie di diversi costruttori, mentre, sono state dedicate tre trattazioni specifiche a Fiat Auto, Ford Motors Company e General Motors.
La trattazione dedicata a GM ha come obiettivo quello di illustrare le strategie applicate dai costruttori di automobili, nel periodo che va dal 1980 al 2005, per recuperare efficienza e competitività.
L’analisi del caso di Fiat Auto si ricollega alla particolare attenzione che questo lavoro di tesi dedica all’industria italiana dell’auto. In particolare, nel caso di Fiat, l’obiettivo finale è quello di delineare in maniera chiara e univoca i punti di forza e debolezza dell’unico grande costruttore di automobili in Italia.
La trattazione dedicata Ford Motors Company è legata alla volontà di delineare un modello di costruttore moderno, efficiente e competitivo da confrontare con Fiat Auto, in modo tale, da comprendere quali sono stati gli errori strategici commessi dal Gruppo torinese nell’arco degli ultimi anni.
Nella tesi è stato dedicato ampio spazio all’analisi dei problemi dei costi di produzione e alle modalità di riduzione degli stessi, in questo frangente, molto spazio è stato dedicato ad uno strumento per abbattere i costi di produzione, le joint venture o cooperazione industriali. Nell’ambito di questo argomento è stato analizzato ampiamente il caso dell’accordo di cooperazione tra Fiat e General Motors, ponendo l’attenzione sui costi e benefici dello strumento della cooperazione industriale.
In conclusione, sulla base di questo lavoro di tesi, si può affermare tranquillamente che la competitività di lungo periodo nel settore auto è assicurata da tre strategie, innovazione, cooperazione e internazionalizzazione.
Tutti i costruttori che negli ultimi hanno seguito queste tre strategie, Volkswagen, Ford, Toyota, Honda, Renault, BMW, GM, .. ecc, oggi beneficiano dei vantaggi derivanti dall’aver seguito queste strategie.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Nell’arco degli ultimi venti anni, l’industria automobilistica mondiale ha subito un processo di trasformazione strutturale molto profondo a seguito soprattutto della globalizzazione del mercato auto. L’evoluzione della domanda nei mercati maturi, l’affermazione di nuovi mercati, la nascita di grandi gruppi automobilistici integrati e globali, la riduzione dei costi di produzione, l’internazionalizzazione, le cooperazioni industriali, l’evoluzione tecnologica, le problematiche ambientali e i costi dei carburanti, sono tutti fattori che influenzano profondamente le scelte strategiche dei grandi costruttori mondiali. L’industria dell’auto, nonostante l’affermazione di altri settori industriali, rimane uno dei pilastri dell’industria manifatturiera in Europa, Nord America e Giappone e manterrà questo ruolo ancora per lungo tempo. La globalizzazione del mercato auto ha imposto a tutti i costruttori di creare un’importante presenza nei mercati emergenti, dove si realizzano i grandi volumi produttivi e allo stesso tempo, mantenere una presenza di qualità nei mercati maturi dove si ottengono i maggiori profitti.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Peter Viribile Contatta »

Composta da 465 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2549 click dal 28/02/2013.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.