Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giona D'Orleans nella tradizione degli specula principis d'età carolingia

Il presente elaborato è dedicato all’analisi della figura di Giona, vescovo della diocesi francese D’Orleans (c.a. 760-843), e alle sue opere fondamentali: il De Institutione Regia, considerato uno degli specula principis più importanti d’età carolingia e il De Institutione Laicali.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il presente elaborato è dedicato all’analisi della figura di Giona, vescovo della diocesi francese D’Orleans (c.a. 760-843), e alla sua opera fondamentale: il De Institutione Regia, considerato uno degli specula principis più importanti d’età carolingia. Si tratterà di studiare anzitutto la figura di Giona e di collocarne l’esperienza, all’interno del più ampio contesto storico di appartenenza, in modo tale da poter mettere in luce l’attiva partecipazione alle vicende culturali, politiche e sociali del poliedrico scenario del suo tempo. L’indagine si suddivide in quattro capitoli: Nel primo capitolo presenterò un rapido quadro del contesto storico politico di riferimento, illustrando le vicende dei principali sovrani e descrivendo gli avvenimenti più significativi che hanno interessato l’Impero carolingio dalla sua nascita fino alla sua dissoluzione. Il secondo capitolo sarà dedicato propriamente all’analisi del genere degli specula principis, alle sue origini e alla sua tradizione. Si indicano con tale termine gli scritti appartenenti a quel filone di letteratura politico- religiosa dedicato all’educazione del principe; gli specula principis, letteralmente “specchi del principe”, dovevano fornirgli infatti lo “specchio” in cui riflettersi e conoscersi, apprendendo cosi quali dovevano essere i comportamenti da seguire. Ci si soffermerà dunque anzitutto sulle caratteristiche di questo genere, sulla metafora vera e propria dello specchio e sui suoi sviluppi, per poi passare ad un’analisi dei fondamentali speculatores carolingi e delle loro opere, tra i quali si inserisce anche lo stesso Giona. Il terzo capitolo può essere considerato come “il cuore” di questo studio. Mi occuperò qui di proporre una presentazione dei tratti salienti della vita di

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giuseppina Maria Chiara Collura Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 381 click dal 27/02/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.