Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi della vulnerabilità del territorio del bacino idrografico del fiume Musone mediante strumenti G.I.S.

Con questo lavoro si propone una metodologia sperimentale di analisi della vulnerabilità per il territorio marchigiano.
utilizzando i dati presenti nel database della regione Marche, dell'ISTAT e del Portale Cartografico Nazionale, sono stati individuati gli indicatori di vulnerabilità tramite i quali, grazie all'utilizzo dei software G.I.S., si sono realizzati gli indici che forniscono l'indicazione della vulnerabilità complessiva sul territorio.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA V PREMESSA Il presente lavoro è stato svolto presso il Centro Funzionale Multirischi della Regione Marche, a compimento del ciclo di studi previsto per il Corso di Laurea Magistrale in Sostenibilità Ambientale e Protezione Civile, attivo presso la facoltà di Scienze dell’Università Politecnica delle Marche di Ancona. Questa tesi ha lo scopo di :  individuare una metodologia semplice ma efficace per la valutazione della vulnerabilità da esondazione, applicabile a qualsiasi bacino idrografico.  ottenere una base di lavoro sviluppabile e aggiornabile;  fornire agli operatori di Protezione Civile uno strumento efficace da consultare in fase di pianificazione e gestione dell’emergenza. Lo studio ha visto come fase iniziale (i) la valutazione delle metodologie di analisi della vulnerabilità sviluppate in ambito nazionale e comunitario al fine di individuare degli indici di vulnerabilità ; (ii) la valutazione delle informazioni disponibili presso la Regione Marche ed eventualmente reperibili. Successivamente i criteri e gli indici sviluppati sono stati applicati al territorio del bacino del Musone per ottenere le mappe di vulnerabilità ed è stata fatta un’analisi interpretativa dei risultati ottenuti. L’ultima fase dello studio ha previsto la preparazione dei dati spaziali per l’elaborazione di un modello idraulico che consentirà di produrre le mappe delle aree esondate riferite a un tempo di ritorno. L’elaborazione delle mappe di vulnerabilità e la preparazione dei dati spaziali per il modello idraulico sono state fatte utilizzando i “Geographic Information System” (G.I.S), strumenti indispensabili per la pianificazione territoriale e per tutte le operazioni di visualizzazione ed analisi relative alla gestione del territorio nei suoi più disparati aspetti.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze e Tecnologie

Autore: Chiara Tagnani Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 997 click dal 27/02/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.