Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione della politica del figlio unico nella Cina di oggi

La politica del figlio unico è stata oggetto di questa tesi, in quanto la ritengo argomento di forte impatto sociale e politico che riguarda il mondo contemporaneo e la sua evoluzione. Ho affrontato dapprima l'argomento dal punto di vista politico, procedendo in un breve excursus storico per poi discuterne le dinamiche sociali e culturali. Infine ho affrontato un caso relativamente recente di una donna costretta all'aborto a sette mesi di gravidanza.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La politica del figlio unico è stata, ed è ancora, argomento di particolare attenzione non solo da parte dei media cinesi ma anche di quelli occidentali. L’amministrazione della popolazione cinese, che attualmente sfiora il miliardo e mezzo, ha dato origine a grandi cambiamenti sociali e culturali che sebbene siano stati rilevanti, ampi e profondi sono però poco conosciuti. Fin dalla sua fondazione nel 1949, la Repubblica Popolare Cinese ha focalizzato l’attenzione sul problema legato alla popolazione. Nel tentativo di fare dell’antica popolazione cinese una società socialista avanzata, Mao adotta inizialmente una politica pro-natalista sostenendo che un’alta percentuale di forza-lavoro sarebbe stata efficace per lo sviluppo stesso della società. Di conseguenza vi sono rigidi limiti sulla contraccezione e sugli aborti e i giovani vengono incoraggiati a sposarsi presto. Mao, tuttavia, si rende conto che la produzione e la crescita economica ottenute negli anni ’50 non riescono a soddisfare i bisogni di una popolazione in continua espansione. Perciò a partire dagli anni ’60 i limiti sugli aborti e sulle contraccezioni cominciano progressivamente ad attenuarsi definendo così lo slogan “wan xi shao”: “wan” indica il matrimonio in tarda età, “xi” l’intervallo di tempo tra un figlio e l’altro e “shao” meno figli per coppia. Per sposarsi l’uomo deve avere venticinque anni e la donna ventitré, l’intervallo di tempo fra un figlio e l’altro deve essere di quattro anni e il numero di figli non deve superare i due per coppia.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Martina Merenda Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4035 click dal 08/03/2013.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.