Skip to content

Violenza geografica, coercizione politica e organizzazione spaziale a Sarajevo. Mutamenti urbani tra l'assedio e la ricostruzione

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Prioli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: Rosario Sommella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

All'interno di configurazioni territoriali complesse, anche le politiche della città, come politiche di controllo e di organizzazione dello spazio urbano, giocano un ruolo decisivo nell'orientare i legami solidaristi tra i gruppi e quindi nel condizionare le logiche di integrazione dei sistemi politici regionali o nazionali.
La città di Sarajevo, capitale della Bosnia-Erzegovina, negli anni del conflitto e dell'attuale transizione ha partecipato, in una dinamica complessa, alle più importanti trasformazioni del paese. Durante la guerra nazionalista, la città, teatro della principale guerra urbana, è stato l'oggetto di un conflitto egemonico tra gli attori di guerra serbo-bosniaci e bosnjak per controllarne lo spazio e la popolazione e ridefinire le relazioni tra i gruppi. Durante i negoziati di Washington e di Dayton, la geografia della città è stata al centro delle trattative tra i gruppi nazionalisti e i rappresentanti della comunità internazionale e la sua attuale forma urbana è, in maniera decisiva, condizionata dai risultati di quegli accordi. Negli anni successivi, segnati dalle incertezze della ricostruzione e della triplice transizione del paese (post-conflittuale, post-socialista ed economica), Sarajevo è uno spazio polarizzato e traumatizzato, che partecipa alle difficoltà più generali dell'integrazione del paese e trova difficile fornire i suoi contributi alla ricostruzione delle relazioni tra i gruppi sub-nazionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Violenza geografica, coercizione politica e organizzazione spaziale a Sarajevo Mutamenti urbani tra l’assedio e la ricostruzione From behind lowered eyelashes I saw Sarajevo, so much ruined and so much loved- loved as never before- rising up from the earth, taking off and flying away, somewhere beyond, where everything is gentile and tranquil. It flew toward the deepest recesses of reality, where it can be loved and dreamed about, and from where it can shine back upon us, rich with meaning, like a beckoning destination. Karahasan D., 1994, Sarajevo, Exodus of a City, New York, Kodansha International. Introduzione L'urbanista statunitense Scott Bollens nei suoi recenti lavori sui conflitti nazionalisti ha evidenziato come le politiche e le leggi che riguardano la regolazione e la gestione dei territori possano avere conseguenze significative sul peggioramento o l'inasprimento delle relazioni tra i gruppi.“Il modo in cui i conflitti a sfondo nazionalistico si legano alla dimensione territoriale (e a specifiche aree in un dato territorio) può avere un'influenza importante sull'evoluzione dei conflitti stessi” 1 . Le riflessioni dell'autore valorizzano la definizione di Robert Sack del territorio come lo strumento attraverso il quale “un individuo o un gruppo riescono a condizionare, influenzare o controllare persone, fenomeni e relazioni, delimitando e controllando una data area geografica” 2 . Bollens, partendo da questa definizione del territorio come artefatto sociale e politico, individua gli obiettivi a cui tendono le politiche territoriali in contesti segnati da conflitti nazionalisti: “l'affermazione di potere, il soggiogamento dell'altro, la protezione dell'identità di gruppo, la 1 Bollens S.A., 2010, Trincee in città: muri, confini, costituzioni, in Storia urbana n.128, p. 25. 2 Sack R. D., 1986, Human territoriality: its theory and history, Cambridge, Cambridge University Press. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

violenza politica
accordi di dayton
contesti urbani
rapporti inter etnici
guerra bosniaca
transizione post-conflittuale
transizione post-socialista
conflitti egemonici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi