Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le donne nella lingua giapponese e la lingua giapponese delle donne

La tesi tratta dei termini con cui si definiscono le donne nella lingua giapponese, e della lingua giapponese usata dalle donne. Il primo capitolo riguarda la lingua giapponese in generale e le terminologie usate nei confronti delle donne. Il secondo capitolo tratta della lingua femminile giapponese, da dove nasce, come è vista all'interno dei movimenti femministi giapponesi. Il terzo e ultimo capitolo tratta gli aspetti fonologici, lessicali, morfologici e sintattici della lingua femminile.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa La lingua femminile giapponese (onna kotoba 1 o joseigo 2 ) ha suscitato curiosità e interesse negli studiosi del XX secolo non solo per il proprio valore linguistico, ma in quanto realtà sociale e culturale, strettamente legata alla tradizione nazionale. E’ un tipo di linguaggio “non producibile” da una gran parte della popolazione giapponese – gli uomini in particolare – che, però, ne devono avere una conoscenza passiva per poter dialogare con chi lo utilizza. I linguisti, ma soprattutto le linguiste, hanno analizzato questo fenomeno partendo da diversi punti di vista: l’interesse, infatti, non ha riguardato soltanto la sua produzione pratica (le caratteristiche fonologiche, morfologiche, sintattiche e lessicali), ma anche le questioni di rilevanza sociale legate a essa (il ruolo della donna nella società e la disparità femminile rispetto agli uomini giapponesi). Come studentessa ho avuto modo di notare le numerose particolarità della lingua giapponese, come la sostanziale differenza grammaticale tra lo scritto e il parlato e tra il codice formale e informale, ma l’aspetto che mi ha maggiormente colpito sin dal primo anno di studio è 1 Letteralmente “parola (o lingua) delle donne”. 2 “Lingua del genere femminile”, è forse la definizione scientificamente più esatta, ma anche la meno usata.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Simona Falato Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2537 click dal 20/03/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.