Skip to content

Il processo di unificazione e le regole di governance della finanza pubblica europea

Informazioni tesi

  Autore: Davide Paolini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia
  Relatore: Mario Patrono
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

L’Unione europea si trova alla vigilia di una nuova fase del proprio processo d’integrazione. A quasi 70 anni dalla fine della seconda guerra mondiale, se studiamo la storia a “ritroso”, sono enormi i progressi ottenuti nei diversi settori su cui l'Unione si è cimentata. Successi ottenuti sul campo economico, con la creazione di un mercato unico e con l'introduzione della moneta unica, e su campo socio-politico, con l'impegno costante nell'esportare nei paesi bisognosi: democrazia, libertà, pace e progresso. Non a caso, l'ultimo premio Nobel per la Pace è stato assegnato ai 500 milioni di cittadini che abitano il suolo europeo in rappresentanza degli impegni svolti e intrapresi dall'Unione. Un processo di unificazione fatto di grandi successi, ma allo stesso tempo di cocenti sconfitte. Sono diversi gli stop & go che, succedutisi negli anni, hanno reso tale percorso tutt'altro che lineare e non privo di complicazioni. Complicazioni che, come vedremo più avanti, nonostante siano di diversa natura, possono essere ricondotte grosso modo ad un unica motivazione. La storia d'Europa è una storia fatta di Stati nazionali. Diversi Paesi membri hanno difficoltà a lasciarsi alle spalle questo background storico.
In questo lavoro proveremo a fare una analisi di tale processo di unificazione e delle regole alle quali è sottoposto, focalizzando l'attenzione sul campo della finanza pubblica. La gestione della finanza pubblica rispecchia in maniera fedele le politiche dell’Unione, mettendo in mostra le caratteristiche insite e le proprie atipicità. In particolar modo la struttura del bilancio comunitario, sia per come è stata concepita, sia per come è stata strutturata, sia per le finalità che va a ricoprire, dimostrano come l'Europa sia un'organizzazione internazionale sui generis. L'analisi del bilancio dell’UE costituisce un punto per studiare l'atipicità della Governance europea (G.P. Cella, 2003.L'Europa, a breve prenderà una decisione sulle nuove prospettive finanziarie a partire dal 2014.
Sul piano politico, l’Unione europea deve continuare sulla via dell’integrazione ed evitare la trappola dell’intergovernamentalismo (Varotto, 2010). Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno della Costituzione e degli strumenti per decidere e agire rapidamente in modo da poter progredire pur mantenendo i “checks and balances” del metodo comunitario. L’accorso sulla nuova Costituzione rimane perciò essen-ziale per il futuro dell’Europa.
Sul piano economico l’Europa deve essere all’altezza della sfida. I cittadini europei si aspettano che l’Unione europea vada oltre l’integrazione economica e trasformi la più grande entità economica e commerciale esistente al mondo in uno spazio che generi maggiore crescita e prosperità. I risultati economici dell’Europa sono stati scarsi in termini relativi. Dal 1995 il tasso di crescita per l’UE-15 è stato in media di 2,2% rispetto a una media globale di 3,6% e di 3,2% per gli Stati Uniti. I dati di cui si dispone fanno pensare che – a meno che non si agisca ora – l’economia europea è votata al declino. Quanto più risulta questa tale debolezza dell’economia europea, tanti più dubbi emergono sull'effettiva legittimazione politica.
Come vedremo nel corso di questo lavoro, le scelte da affrontare nell’ambito delle prossime prospettive finanziarie non sono solo una mera questione di entrate e spese.
Si tratta anche (se non soprattutto), di una questione di indirizzo politico di cui l'Europa deve farsi carico. Ciò implica una nuova fase per il bilancio dell’Unione.
Non si tratta esclusivamente di una nuova redistribuzione delle risorse tra gli Stati membri. Si tratta di trovare il modo di massimizzare l’impatto delle nostre politiche comuni in modo da accrescere ulteriormente la resa di ogni euro speso a livello europeo. Esso deve essere finalizzato a realizzare specifiche priorità concrete che vadano a beneficio degli Stati membri e dei cittadini.Riassumendo in questo lavoro vedremo: quale è stato il percorso a livello storico che ha portato ad unificare l'Europa (fino a renderla un'Unione), sia sul piano politico, sia sul piano economico (CAPITOLO 1); faremo un'analisi dettagliata dell'attuale quadro finanziario europeo, quindi del bilancio comunitario (CAPITOLO 2); Alla luce delle considerazioni effettuate, faremo delle valutazioni sui possibili scenari che svilupperanno in Europa nel prossimo futuro (CAPITOLO 3); Infine, nella parte finale, inseriremo delle osservazioni conclusive (CONCLUSIONI). La bibliografia è divisa in due parti. La prima parte comprende le pubblicazioni di autori vari che hanno scritto sul tema di nostro interesse. La seconda parte, comprende le pubblicazioni degli atti ufficiali degli organi istituzionali dell’Unione europea, ad esempio: le comunicazioni della Commissione, i pareri della Corte dei Conti, le proposte del Consiglio, etc etc.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione L’Unione europea si trova alla vigilia di una nuova fase del proprio processo d’integrazione. A quasi 70 anni dalla fine della seconda guerra mondiale, se stu- diamo la storia a “ritroso”, sono enormi i progressi ottenuti nei diversi settori su cui l'Unione si è cimentata. Successi ottenuti sul campo economico, con la creazione di un mercato unico e con l'introduzione della moneta unica, e su campo socio-politico, con l'impegno costante nell'esportare nei paesi bisognosi: democrazia, libertà, pace e progresso. Non a caso, l'ultimo premio Nobel per la Pace è stato assegnato ai 500 milioni di cittadini che abitano il suolo europeo in rappresentanza degli impegni svolti e intrapresi dall'Unione. Un processo di unificazione fatto di grandi successi, ma allo stesso tempo di cocenti sconfitte. Sono diversi gli stop & go che, succeduti- si negli anni, hanno reso tale percorso tutt'altro che lineare e non privo di complica- zioni. Complicazioni che, come vedremo più avanti, nonostante siano di diversa na- tura, possono essere ricondotte grosso modo ad un unica motivazione. La storia d'Europa è una storia fatta di Stati nazionali. Diversi Paesi membri hanno difficoltà a lasciarsi alle spalle questo background storico. Le diverse ambizioni degli Stati, sia a livello di politica domestica, sia a livello di politica estera, non risultano essere una ricchezza per l'arricchimento per l'Unione, ma un limite per le sue ambizioni e finalità politiche. In questo lavoro proveremo a fare una analisi di tale processo di unificazione e delle regole alle quali è sottoposto, focalizzando l'attenzione sul campo della finanza pubblica. La gestione della finanza pubblica rispecchia in maniera fedele le politi- che dell’Unione, mettendo in mostra le caratteristiche insite e le proprie atipicità. In particolar modo la struttura del bilancio comunitario, sia per come è stata concepita, sia per come è stata strutturata, sia per le finalità che va a ricoprire, dimostrano co- me l'Europa sia un'organizzazione internazionale sui generis. L'analisi del bilancio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi