Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'industrial design come fattore competitivo per l'impresa: il caso Apple Inc.

Il saggio analizza un aspetto del design poco conosciuto, ovvero l'utilizzo che le imprese ne fanno per competere sui mercati, prendendo in considerazione degli elementi poco trattati nella letteratura.
Obiettivi del saggio di fine laurea in questione sono.
- separare la figura del designer da quello di un semplice artista;
- individuare i passaggi che hanno portato, l'unione degli aspetti funzionali con quelli estetici, nel design;
- analizzare alcuni degli aspetti attraverso i quali un approccio orientato al design riesce a portare dei vantaggi competitivi per l'impresa.
- analizzare il caso Apple ed il suo design

Tali punti sono supportati prendendo in considerazione diversi esempi pratici, tra i quali Apple, Fiat ed Alessi

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Obiettivo di questo saggio finale di laurea è l’analisi dell’Industrial design dal punto di vista delle imprese. Il lavoro si prefigge di evidenziare come le imprese possono utilizzare l’industrial design nella competizione sui mercati, e i vantaggi che derivano da questo utilizzo. In particolare in questo elaborato ci si riferisce al design nei beni di consumo e di come questo possa influire nelle scelte del consumatore. L’oggetto del saggio è l’industrial design perché esso è diventato a tutti gli effetti uno dei campi principali in cui avviene la competizione tra le imprese, si cerca quindi di individuare come viene utilizzato per incrementare il valore intrinseco dei prodotti e di conseguenza la loro competitività. L’argomento trattato è proprio il design perché è sempre più presente nella vita di tutti i giorni, infatti l’attenzione per esso è cresciuta non solo da parte delle imprese che lo vedono come mezzo per diventare più competitivi, ma anche da parte dei consumatori che non si accontentano più di comprare degli oggetti soltanto in base alla funzionalità, ma vogliono qualcosa che si adatti alle loro esigenze in maniera efficiente e contemporaneamente trasmetta loro delle emozioni; migliorare la funzionalità e reinventare il prodotto facendo in modo che trasmetta nella mente del consumatore nuove sensazioni si può dire che sia l’obiettivo di ogni designer. Il concetto di industrial design non è così scontato come sembrerebbe: spesso ci si riferisce al design come una mera manipolazione della forma con lo scopo di migliorare il senso estetico dell’oggetto, tale descrizione invece è del tutto inappropriata, attraverso delle considerazioni di esperti in materia quali, Maldonado, Porter e il consiglio delle società di industrial design (ICSID) si dimostra che con industrial design si indicano una serie di attività che studiano tutte le caratteristiche del prodotto e non si soffermano all’esteticità L’elaborato è suddiviso in quattro parti: la prima parte che si prefigge il compito di definire l’industrial design

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Emanuele Martorana Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2383 click dal 13/03/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.