Skip to content

Il triangolo della procreazione. La fecondazione eterologa al vaglio della Costituzione

Informazioni tesi

  Autore: Anna Maria Marinelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Francesco Gabriele
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 213

Da sempre l'uomo è in continua sfida con se stesso, alla ricerca di limiti che puntualmente si impone di superare e di dominare. Non gli importa se in tal modo si sostituisce a Dio o a chi per lui, ciò che conta è l'affermazione di sé e della sua volontà, della capacità di controllare la natura, di posporla al suo arbitrio. E' l'amore (o l'ossessione?) per il sapere che lo spinge a navigare per mari sconosciuti alla scoperta di nuove Colonne d'Ercole da superare. Tuttavia, vi è un punto in cui la riflessione non si pone più come una mera eventualità, ma diventa imprescindibile affinché l'Ulisse moderno possa continuare il suo folle volo: quando la genuinità dell'essere viene stravolta è inevitabile per la coscienza porsi della domande e capire la quale sia la reale direzione verso cui si sta procedendo.E' quanto sta accadendo in materia di procreazione: se fino a qualche decennio fa il progetto di un figlio si realizzava e si esauriva nell'ambito della coppia, essendo inimmaginabile la presenza di un'altra persona in un atto così intimo, oggi è possibile "produrre" bambini in provetta, prescindendo dall'unione carnale e utilizzando ovuli e spermatozoi in laboratorio non per fini sperimentali, ma per realizzare il progetto di genitorialità di coloro con i quali la natura è stata poco generosa.La procreazione si spoglia della sua naturalità e indossa una nuova veste, quella della procreazione medicalmente assistita. Si tratta di un importantissima innovazione in campo medico, che ha consentito di porre rimedio a quelle defaillances della natura, che altrimenti si sarebbero imposte all'uomo, senza alcuna possibilità di reazione.Nulla quaestio (o quasi) quando si tratta di rimanere entro l'ambito della coppia, seppur con la mediazione dell'intervento medico. Ma quando la sterilità che affligge un uomo o una donna è tale da impedirgli/le la trasmissione del proprio sé ad un nuovo essere, perché affetto/a da impotentia generandi, diventa inevitabile ricorrere al gamete di un estraneo per poter dare corporeità al sogno di un figlio. Oggi grazie alle biotecnologie, che hanno permesso di separare la sessualità dalla riproduzione, è sufficiente "chiedere in prestito" il gamete di un estraneo, il quale rende disponibili le proprie cellule germinali per consentire a quelle coppie affette da sterilità assoluta di procreare ugualmente, salvaguardando, però, solo per metà il legame biologico con il bambino (quello con il genitore non sterile) e realizzando il partner sterile un legame per così dire sociale, fondato sulla sola assunzione della responsabilità genitoriale.Quid iuris in tale realtà? Ad oggi in Italia si nega una simile possibilità, nonostante nel resto d'Europa la fecondazione eterologa sia una pratica già rodata, oggetto di una specifica disciplina, che tenta di contemperare nel migliore dei modi possibili gli interessi di tutti i soggetti coinvolti: la coppia (o il singolo) richiedente, il donatore o la donatrice, il bambino.Probabilmente il legislatore italiano, con il divieto assoluto di fecondazione eterologa di cui all'articolo 4 comma 3 della Legge 19 febbraio 2004 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita", non se l'è sentita di sacrificare sull'altare della genitorialità l'interesse di un figlio alla conoscenza delle proprie radici, ispirandosi a quel «mito del sangue» che permea il nostro diritto di famiglia. Eppure, questo non ha impedito ad alcune coppie italiane di chiedere che venisse sollevata la questione di legittimità costituzionale del divieto de quo, richiamando non solo quelle disposizioni che attribuiscono alla Repubblica il ruolo di promotrice della famiglia, (artt. 29 e 31 Cost.), ma anche l'articolo 32 della Costituzione, che tutela il fondamentale diritto alla salute, adducendo i ricorrenti la violazione di tale disposizione nel momento in cui non viene loro garantita la possibilità di ricorrere alle tecniche di fecondazione assistita di tipo eterologo, le quali rappresenterebbero l'unica "cura" disponibile per la loro sterilità, oltre che dell'articolo 2, che garantisce e riconosce i diritti inviolabili dell'uomo.In attesa della sentenza della Corte Costituzionale, che si pronuncerà il prossimo 22 maggio,si tenterà in questo lavoro di comprendere quali siano i profili del presunto "diritto al figlio eterologo" e se lo stesso eventualmente non si ponga in contrasto con i diritti di altri soggetti coinvolti dalla dinamica della procreazione artificiale,in primis con il diritto all'identità del bambino nato grazie all'applicazione di tali tecniche.Il compito che il diritto è chiamato a svolgere in questo contesto così "scombinato" dalle biotecnologie è assai arduo.Si tratta di comprendere se e fino a che punto istanze che vanno al di là dei limiti che la natura impone all'uomo possano elevarsi a veri e propri diritti meritevoli di tutela.E allora,esiste il diritto al figlio eterologo?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Capitolo I UMANO E SOVRAUMANO: LIMITI POSSIBILI DI UN VIAGGIO (IM)POSSIBILE 1.1 La superba vocazione dell'uomo per il sapere Tutti gli uomini tendono al sapere 1 : è la ricerca affannosa della conoscenza che alimenta nell'uomo il desiderio di compiere l'audace volo per l'aperto mare, di trasformare i remi in ali, di osare, di oltrepassare le Colonne d'Ercole. L'uomo si stupisce dei fenomeni che lo circondano, si trova quindi nell'incertezza e nell'ignoranza, e perciò intraprende a filosofare, cioè a cercare il sapere delle cause e dei principi 2 . E' la meraviglia la fonte originaria dell'amore per la sapienza, la cosiddetta          3 . Un amore incondizionato, che esorta l'uomo a sfidare le leggi della natura, per sovvertirle, per piegarle alla sua volontà e alla sua capacità di decisione. Come dice Anassagora, "l’uomo è intelligente perché ha le mani" 4 : grazie all’attività manipolativa egli pretende di dominare il mondo, 1 ARISTOTELE, Metafisica, A, 980a. 2 PIERO BOITANI, L'ombra di Ulisse, Bologna, il Mulino, 1992, p. 16. 3 Ibidem p. 16. 4 ARISTOTELE, De partibus animalium, 687 a7, cit. da FRANCESCA ZANUSO, L’indisponibile filo delle Parche. Argomentazione e decisione nel dibattito biogiuridico, in FRANCESCA ZANUSO (a cura di), Il filo delle Parche. Opinioni comuni e valori condivisi nel dibattito biogiuridico, Milano, Franco Angeli, 2009, p. 12.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biotecnologie
procreazione assistita
nuove tecnologie
biodiritto
l.40/2004
pma
eterologa
fecondazione eterologa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi