Skip to content

Riqualificazione dell'area della Cittadella a Pisa: nuovo museo scientifico e nuova biblioteca pubblica

Informazioni tesi

  Autore: Manuele Bertuccelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Fabio Capanni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 160

In questo elaborato si affrontano i temi della riqualificazione urbana di un’area specifica all’interno di un centro storico consolidato e della relativa progettazione architettonica di nuove volumetrie afferenti all’area stessa ed a sostegno di tale riqualificazione. La decisione di intervenire all’interno di un nucleo urbano, anche al netto delle previsioni dell’Amministrazione comunale, è stato dettato dalla volontà di confrontarsi in ambiti territoriali strutturati dove siano andati persi, in tutto o in parte, distintamente o meno, la memoria, il carattere e l’identità del luogo. Il pretesto per affrontare tale operazione è stato allora individuato nel comparto della Cittadella a Pisa, un’area interna alle mura urbane che giace in grave stato di degrado e abbandono. Questo brano di città, allo stato attuale, rappresenta ciò che rimane della medievale darsena pisana, memoria sbiadita di quella identità di città di mare che Pisa si era costruita al tempo delle Repubbliche Marinare. Riqualificare questo comparto urbano recuperandone il genius loci ha comportato un iniziale studio del contesto di riferimento su due scale: quella urbana della città e quella specifica dell’area della Cittadella. Queste due analisi hanno permesso di chiarire non solo l’evoluzione storica, urbana e architettonica, ma anche sociale ed economica del territorio e del comparto in oggetto. Su quest’ultimo è stata svolta anche una lettura storico-critica dell’ambiente costruito preesistente, così da permettere l’individuazione di possibili scenari di intervento. Una successiva analisi critica dello studio del contesto ne ha messo in risalto le peculiarità latenti ed ha consolidato quelle manifeste. L’intervento a scala urbana è stato mirato a ricomporre l’unità del comparto oggi compromessa e a riconsegnare alle emergenze architettoniche il loro carattere di memoria storica, mentre le due nuove volumetrie, una biblioteca pubblica ed un museo scientifico ad indirizzo astronomico, vanno a regolare i nuovi rapporti interni all’area. Inoltre l’individuazione di queste nuove funzioni di progetto ha comportato un’ulteriore indagine sull’evoluzione storica, sulle tendenze contemporanee e sugli sviluppi futuri delle due istituzioni. Queste ultime si costituiscono anche quali integrazioni funzionali all’area, nell’ottica di assicurarne una pluralità di usi interni, inserendosi così in un’azione tesa, coerentemente alle scelte urbane adottate, a riportare alla vita il comparto, restituendolo in questo modo alla città.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE La riqualificazione urbana è (o dovrebbe essere) una pratica privilegiata delle amministrazioni pubbliche per un buon governo del territorio. Una pratica che produca atti amministrativi in questo senso ed utilizzi gli strumenti urbanistici a disposizione o ne produca di nuovi e migliori per riqualificare le aree dismesse o degradate, è una politica che migliora il contesto sociale e urbanistico, sia in riferimento ad ampie porzioni di territorio sia ad alcuni (o singoli) quartieri cittadini. E’ in quest’ottica che per questa tesi si è deciso di affrontare temi della riqualificazione urbana di un’area specifica all’interno di un centro storico consolidato e della relativa progettazione architettonica di nuove volumetrie, a sostegno e afferenti all’area stessa. La decisione di intervenire all’interno di un nucleo urbano è stata dettata dalla volontà di confrontarsi con ambiti territoriali strutturati nei quali siano andati persi, in tutto o in parte, la memoria, il carattere e l’identità del luogo. Il pretesto per affrontare tale tema lo ha fornito l’area della Cittadella a Pisa, un’area interna alle mura urbane, delimitata su due fronti da queste, che giace in grave stato di abbandono e degrado urbano, architettonico, sociale. L’Amministrazione comunale si è dotata, nel 2009, di nuovi strumenti urbanistici, i PIUSS (Piani Integrati di Sviluppo Urbano Sostenibile), con i quali ha promosso interventi di riqualificazione urbana in vari ambiti cittadini. Un progetto coordinato che scongiura il carattere episodico di tali interventi, carattere quest’ultimo che quando perseguito, difficilmente riesce a fornire una soluzione organica al complesso delle problematiche individuate. I PIUSS prevedono per l’area della Cittadella a Pisa, una riqualificazione a parco urbano ed il restauro dell’emergenze architettoniche che vi insistono destinandole ad accoglienza turisti (Arsenali Repubblicani), museo della Città (fortilizio Guelfo), incubatori di imprese (ex- stallette) e ristorante (vasca del Michelucci). Infine è ipotizzato un nuovo volume in adiacenza e per l’ampliamento degli Arsenali Repubblicani, nella loro stessa forma, estensione planimetrica e volumetria. Questa tesi ha recepito le previsioni comunali per l’area della Cittadella ed attraverso un’attenta analisi storico-architettonica e dopo averne indagato il genius loci (ossia lo spirito del luogo), è emersa la possibilità di un ulteriore e diverso approccio progettuale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biblioteca
galileo
pisa
museo scientifico
lungarno
casa-torre medievale
decorazione losanga
arsenale mediceo
michelucci
piazza dei miracoli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi