Skip to content

Ventaglio di strategie comiche nell'"Aulularia" plautina.

Informazioni tesi

  Autore: Jennifer Bertasini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere Classiche
  Relatore: Licinia Ricottilli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 43

La seguente trattazione ha lo scopo d’illustrare i molteplici e variegati aspetti che può incarnare la comicità in una delle più riuscite commedie di Plauto, ovvero l’Aulularia.
All’interno del nostro percorso entreremo in contatto con svariate realtà, a partire da una rapida panoramica sull’Avare di Moliere (a cui ci allacceremo al termine del progetto, forgiando in tal modo una ring-komposition) sino ai “nodi” mentali che permeano l’omonima opera di Laing e che, come vedremo, richiamano facilmente alla memoria il vecchio avaro Euclione, protagonista dell’opera da noi presa in esame.
Ulteriori legami con altri autori verranno delineati spaziando attraverso millenni di storia letteraria, inanellando parallelismi tra l’Aulularia e i suoi modelli greci quanto tra la medesima commedia del sarsinate e gli studi di Freud sui motti di spirito, nonché i meccanismi comici sagacemente pennellati da Marina Mizzau nel suo saggio sulla barzelletta.
Non mancheranno, naturalmente, i legami tra il nostro testo e quello d’altre opere del medesimo autore, quali l’Epidicus, lo Stichus e il Miles gloriosus.
Per quanto riguarda i meccanismi della comicità contenuti nell’Aulularia stessa, esploreremo sia l’ambito delle figure retoriche (analizzando in particolare gustose iperboli e curiosi witz) che quello prettamente stilistico. Ci destreggeremo così tra colloquialismi e neoformazioni plautine, passando attraverso riferimenti a personaggi storici e mitologici, invocazioni a divinità, accumulazioni e rapidi quanto esilaranti “botta e risposta” tra i protagonisti, per giungere infine ad allusioni a cariche pubbliche e proverbi.
Queste, al pari del dipingere i personaggi coi tratti fissi (pertanto facilmente riconoscibili da parte del pubblico), assolvono la funzione d’avvicinare al testo il lettore/spettatore, intrecciando un legame che verrà saldato e rafforzato tramite gli usuali meccanismi dell’“a parte”, i rovesciamenti di ruolo appartenenti alla realtà del cosiddetto “carnevalesco” e l’utilizzo di tematiche quali, ad esempio, la misoginia.
A questo proposito, non mancheremo d’occuparci delle caratteristiche d’ogni, esilarante, tipologia di personaggio fisso: muovendoci dal callidus servus ai cuochi, dall’anus vinosa ai parenti in conflitto per l’unione con la concupita puella di turno, approderemo infine allo spilorcio Euclione, figura centrale dell’intera opera.
Meravigliosa creazione plautina, l’ossessivo avaro appare perennemente mantenuto sul filo del rasoio dal terrore che la pentola ricolma d’oro, reperita nel proprio giardino, possa finire per venigli sottratta. E sarà proprio questo timore a far scaturire la cosiddetta “profezia che s’autodetermina”, rendendolo vittima del destino da lui stesso preventivato e scaraventandolo in un vortice di follia. Follia che lo convoglierà verso l’assunzione di comportamenti allucinanti e allucinati, a tal punto da renderne le azioni incomprensibili persino agli altri protagonisti della vicenda.
Così, spaziando tra divertenti malintesi e finte gaffe, esplicite e scurrili oscenità, fughe di scena iterate e improvvise, non ci limiteremo soltanto a delineare ogni forma che la comicità insita nell’Aulularia assume, ma scopriremo a poco a poco lati sempre più nuovi, ugualmente affascinanti d’uno dei più riusciti personaggi che l’incredibile vena creativa di Plauto sia mai stata in grado di tratteggiare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La seguente trattazione ha lo scopo d’illustrare i molteplici e variegati aspetti che può incarnare la comicità in una delle più riuscite commedie di Plauto, ovvero l’Aulularia. All’interno del nostro percorso entreremo in contatto con svariate realtà, a partire da una rapida panoramica sull’Avare di Molière (a cui ci allacceremo al termine del progetto, forgiando in tal modo una ring-komposition) sino ai “nodi” mentali che permeano l’omonima opera di Laing e che, come vedremo, richiamano facilmente alla memoria il vecchio avaro Euclione, protagonista dell’opera da noi presa in esame. Ulteriori legami con altri autori verranno delineati spaziando attraverso millenni di storia letteraria, inanellando parallelismi tra l’Aulularia e i suoi modelli greci quanto tra la medesima commedia del sarsinate e gli studi di Freud sui motti di spirito, nonché i meccanismi comici sagacemente pennellati da Marina Mizzau nel suo saggio sulla barzelletta. Non mancheranno, naturalmente, i legami tra il nostro testo e quello d’altre opere del medesimo autore, quali l’Epidicus, lo Stichus e il Miles gloriosus. Per quanto riguarda i meccanismi della comicità contenuti nell’Aulularia stessa, esploreremo sia l’ambito delle figure retoriche (analizzando in particolare gustose iperboli e curiosi witz) che quello prettamente stilistico. Ci destreggeremo così tra colloquialismi e neoformazioni plautine, passando attraverso riferimenti a personaggi storici e mitologici, invocazioni a divinità, accumulazioni e rapidi quanto esilaranti “botta e risposta” tra i protagonisti, per giungere infine ad allusioni a cariche pubbliche e proverbi. Queste, al pari del dipingere i personaggi coi tratti fissi (pertanto facilmente riconoscibili da parte del pubblico), assolvono la funzione d’avvicinare al testo il lettore/spettatore, intrecciando un legame che verrà saldato e rafforzato tramite gli usuali meccanismi dell’“a parte”, i rovesciamenti di ruolo appartenenti alla realtà del cosiddetto “carnevalesco” e l’utilizzo di tematiche quali, ad esempio, la misoginia. A questo proposito, non mancheremo d’occuparci delle caratteristiche d’ogni, esilarante, tipologia di personaggio fisso: muovendoci dal callidus servus ai cuochi, dall’anus vinosa ai parenti in conflitto per l’unione con la concupita puella di turno, approderemo infine allo spilorcio Euclione, figura centrale dell’intera opera. Meravigliosa creazione plautina, l’ossessivo avaro appare perennemente mantenuto sul filo del rasoio dal terrore che la pentola ricolma d’oro, reperita nel proprio giardino, possa finire per venigli sottratta. E sarà proprio questo timore a far scaturire la cosiddetta “profezia che s’autodetermina”, rendendolo vittima del destino da lui stesso preventivato e scaraventandolo in un vortice di follia. Follia che lo convoglierà verso l’assunzione di comportamenti allucinanti e allucinati, a tal punto da renderne le azioni incomprensibili persino agli altri protagonisti della vicenda. Così, spaziando tra divertenti malintesi e finte gaffe, esplicite e scurrili oscenità, fughe di scena iterate e improvvise, non ci limiteremo soltanto a delineare ogni forma che la comicità insita nell’Aulularia assume, ma scopriremo a poco a poco lati sempre più nuovi, ugualmente affascinanti d’uno dei più riusciti personaggi che l’incredibile vena creativa di Plauto sia mai stata in grado di tratteggiare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

meccanismi comici
tito maccio plauto
commedia classica, commedia antica, commedia latin
aulularia, miles gloriosus, stichus, epidicus
evento annunciato
perseverazione del pensiero
avaro, misantropo, marina mizzau
euclione, stafila, fedria, liconide
moliere, arpagone, menandro, nodi, laing
furto della pentola, paranoia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi