Skip to content

Effetti del gioco-sport sulla memoria nei giovani

Informazioni tesi

  Autore: Martina Meloni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Marco Guicciardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

La tesi svolta ha avuto come argomento lo studio degli effetti psicologici causati da un’attività fisica proposta in senso ludico presso un campo estivo a carattere ludico-sportivo durante l’estate 2012, in un campione di 29 bambini di età compresa tra i 7 e i 13 anni. L’indagine ha previsto la ripetizione di sequenze di parole somministrate prima e dopo un’attività fisica ben strutturata comprendente una seduta da 45 minuti di pallacanestro basato sul gioco-sport, e la compilazione di un breve questionario riguardante le abitudini sportive e gli stati emotivi prima del test e dell’attività.
L’obiettivo è stato quello di verificare quanto le capacità cognitive, in particolare la memoria a breve termine, possano essere influenzate da un’attività fisica strutturata tenendo in considerazione aspetti quali: attività fisica praticata, età, sesso, stato emotivo pre-test. I soggetti son stati sottoposti alla visione di tre elenchi di 20 parole ciascuno scritte una per pagina, somministrate prima dell’allenamento, subito dopo il termine dell’allenamento e a distanza di 12 minuti dal secondo elenco.
L’analisi dei dati attraverso il test di Friedman e il Rho di Spearman hanno permesso di stabilire comparazioni, discordanze e concordanze tra la memoria, l’ansia e l’attività fisica nel campione analizzato.
E’ emersa una prima differenza tra i due sessi, il sesso femminile ha una prestazione memonica migliore rispetto al sesso maschile se analizzate prima dell’allenamento; anche l’età ha permesso di stabilire che la fascia compresa tra i 10-13 anni ha una capacità di memoria migliore rispetto alla fascia 7-9 anni. La pratica di un’attività fisica durante tutto l’anno sembra non incidere in modo significativo sul compito di memoria iniziale.
E’ emerso inoltre che il genere è associato alla fiducia in sé stessi, risulta infatti che il sesso maschile è più fiducioso rispetto al sesso femminile nell’affrontare un allenamento sportivo con relativi test. L’ansia cognitiva sembra essere maggiormente presente nella fascia d’età più alta. La pratica di uno sport durante tutto l’anno incide notevolmente sullo stato d’ansia provato nei giovani, infatti chi non pratica alcuno sport è risultato più ansioso nell’affrontare l’intero lavoro. Analizzando i dati relativi alla performance di memoria risulta che la prestazione peggiora notevolmente subito dopo l’attività fisica, tuttavia migliora dopo una pausa di 12 minuti dal termine della seconda prova memonica.
Tali risultati hanno confermato la teoria di Cox (1991) il quale scoprì che l’esercizio fisico si oppone agli effetti nocivi dello stress sulla salute, e gli studi di Coles e Tomporowski (2008) i quali mostrano che gli incrementi nell’attivazione fisiologica (arousal) sono responsabili degli effetti dell’esercizio sulle memory performance, solo i giochi di squadra influenzano significativamente il richiamo immediato sia degli oggetti più recenti che di quelli meno recenti. Sulla base di quanto ottenuto si può affermare che la pratica di una corretta attività fisica, continuativa nel tempo, può influire positivamente sul controllo dell’ansia (cognitiva e somatica), mentre un breve programma di attività fisica sembra peggiorare la prestazione di memoria sui giovani.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Da sempre l’uomo ha avuto la necessità di muoversi, correre, sviluppare forza e resistenza per la sopravvivenza e la continuazione della specie. Da attività strettamente legata alla vita, il movimento si è poi trasformato in gioco, divertimento. Fin dal periodo dell’antica Grecia abbiamo le prime forme di sport e competizioni con le Olimpiadi di Atene. Il boom dello Sport avviene attorno al XX secolo, precisamente nel 1896, quando il barone francese Pierre De Coubertin ricreò l’evento delle Olimpiadi riprendendo lo spirito di quelle greche e modernizzandole. Da allora lo sport divenne uno stile di vita, soprattutto non riservato solo alle classi dirigenti e borghesi, ma popolare, accessibile a tutti; spaziando tra le competizioni più famose al mondo tuttora proposte quali: Olimpiadi, Tour de France, Corse automobilistiche, Roland Garros... Lo sport era simbolo di un’Italia in fase di progresso, modernità e innovazione dovuto al periodo della rivoluzione industriale. (Pivato, 1994) Con l’avvento dello sport gli studiosi appassionati svolsero ricerche e studi per approfondire tutti gli aspetti legati al mondo dell’attività fisica, passando dalla medicina, alla fisica, alla biomeccanica; ma soprattutto iniziarono a preoccuparsi di studiare gli effetti fisici e psicologici, e i benefici che si possono trarre da un’attività fisica sia a livello di fitness (quindi benessere psicosociale) che a livello agonistico. La nostra tesi ha avuto come argomento lo studio degli effetti psicologici causati da un’attività fisica proposta in senso ludico in un campo estivo a carattere ludico-sportivo durante l’estate 2012, in bambini con età compresa tra i 7 e i 13 anni. L’indagine ha previsto la ripetizione di sequenze di parole somministrati prima e dopo un’attività fisica ben strutturata che comprende una seduta da 45 minuti di pallacanestro basata sul gioco-sport, e la compilazione di un breve questionario riguardante le abitudini sportive e stati emotivi prima del test e dell’attività.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

memoria
ansia
bambini
pallacanestro
primacy
working memory
gioco-sport
ansia di tratto
ansia somatica
recency

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi