Skip to content

Risparmio energetico e mobilità sostenibile

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Bertolo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e amministrazione delle imprese
  Relatore: Salvatore Chiricosta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

L’obiettivo iniziale di questo lavoro era di mettere a confronto le varie tecnologie alternative presenti sul mercato al fine di tracciare una linea evolutiva del sistema di trasporto su gomma, ed analizzare l’utilizzo delle auto z.e. quale modalità di trasporto innovativa e principale per l’immediato futuro, per risolvere problemi sia di natura ambientale che economica.
Alla luce delle considerazioni effettuate, adottare un sistema dei trasporti basato sulla mobilità sostenibile diventa indispensabile per ridurre i danni causati dall’inquinamento, sull’uomo e sull’intero ecosistema, senza dimenticare i benefici di natura economica che, alla lunga, un sistema di questo tipo sarebbe in grado di generare.
Dalla ricerca svolta è emerso che, per sostituire le auto in circolazione che utilizzano carburanti di origine fossile, è necessario intraprendere un percorso graduale che muova inizialmente dai miglioramenti incrementali delle auto tradizionali, aumentandone l’efficienza, e passi poi attraverso l’utilizzo dei combustibili alternativi a minor impatto ambientale, sfruttando cosi le tecnologie già esistenti.
Per questo motivo, il Parlamento Europeo ritiene che per centrare detti obiettivi sia necessario adottare diverse politiche che si sostengano e si compensino a vicenda, coinvolgendo un numero sempre maggiore di attori.
Queste misure dovrebbero riguardare principalmente 3 punti:
1. SVILUPPO TECNOLOGICO; cioè aumento dell’efficienza energetica mediante l’uso di nuove tecnologie e combustibili alternativi.
2. STRUMENTI DI MERCATO; cioè l’imposizione di tasse/tariffe e di incentivi fiscali che agevolino l’introduzione sul mercato delle vetture z.e., scoraggiando l’uso di motori inquinanti.
3. MISURE DI ACCOPPIAMENTO; ossia ottimizzare l’uso dei mezzi di trasporto pubblico e di moderne infrastrutture che favoriscano un cambiamento nelle abitudini delle imprese e dei singoli cittadini (come il car pooling, il car sharing, ecc)
Solo con l’introduzione coordinata di detti interventi sarà possibile ridurre la dipendenza energetica complessiva del sistema dei trasporti, al quale attualmente è possibile imputare un terzo del consumo totale di energia nell’U.E.
I limiti delle auto tradizionali a carburante di origine fossile relativi all’inquinamento, e i continui aumenti nel prezzo di benzina e gasolio, hanno poi spinto l’attenzione di tutti verso alternative tecnologiche che non soffrono di questi problemi, come le auto elettriche o quelle alimentate da idrogeno.
Queste alternative rappresentano soluzioni all’avanguardia, che in un futuro non troppo lontano saranno certamente adottate, ma attualmente sono soluzioni o in via di sviluppo o ancora troppo costose e, quindi, non ancora in grado di competere alla pari con le vetture convenzionali.Per questo motivo l’attacco globale alle vetture tradizionali è, per ora, riservato ai veicoli a minor impatto ambientale, quali i veicoli a metano e a GPL, quelli alimentati da biocombustibili, o quelli equipaggiati con motori ibridi.
Queste sono tutte soluzioni vantaggiose sia in termini di costi che di consumi e, anche se non sono z.e., consentono cmq di realizzare una concreta riduzione delle emissioni di sostanze nocive rispetto ai veicoli alimentati da carburanti convenzionali.
Il futuro però è rappresentato dalla trazione elettrica che consentirà di raggiungere il tanto desiderato z.e. Infatti, una volta superati i problemi relativi alla limitata autonomia, legati principalmente alla scarsa presenza di punti di ricarica, e quindi di infrastrutture, e i problemi relativi ai costi, che si potranno ridurre attraverso economie di scala, sarà possibile fare di questa tecnologia lo standard principale, soprattutto in virtù dei continui aumenti nel prezzo della benzina e del gasolio.
In conclusione, è importante sottolineare che alla base di tutto ci siamo sempre noi cittadini, di conseguenza serve che ognuno recepisca questa nuova mentalità e che cominci a farla propria in ogni contesto. Lo spot deve essere uno ed uno soltanto: cambiare mentalità per cambiare mobilità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE I continui cambiamenti climatici, la notevole dipendenza dal petrolio, l’instabilità politica dei paesi fornitori e l'aumento della sensibilità ambientale nei consumatori spingono il settore automobilistico a continue e profonde considerazioni sulle tecnologie, sulle forme d’uso delle automobili e sui trasporti in generale. Ai combustibili fossili è possibile attribuire la nascita della società attuale: infatti, l’inizio della rivoluzione industriale inglese è da imputare soprattutto alla presenza in questo territorio di numerosi giacimenti carboniferi; ed è proprio da questo momento storico che l’utilizzo dei combustibili fossili è cresciuto notevolmente, finendo per affermarsi, nella seconda metà del ventesimo secolo, come fonte energetica principale. Successivamente le quantità di gas serra presenti nell’atmosfera sono sensibilmente aumentate, provocando un progressivo innalzamento della temperatura del pianeta e determinando significativi cambiamenti climatici. Negli ultimi decenni, nelle aree più industrializzate, normative sempre più pressanti hanno indotto i produttori d'auto a migliorare continuamente le tecnologie e a sperimentare nuove soluzioni. Si è così passati dall'utilizzo di motori alimentati a gas (metano,GPL), a bioetanolo, ad auto ibride e ad idrogeno ma, ad oggi, nessuna di queste alternative è riuscita realmente ad imporsi come possibile antagonista ai combustili fossili. Tuttavia malgrado questi "fallimenti", negli ultimi anni l'attenzione dei

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi