Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Soliderietà 2.0 le Onlus e i Social Media

Nella mia tesi ho analizzato la comunicazione attraverso i Social Media e come possono risultare utili per una Onlus.

La prima parte è dedicata al raccontare la nascita dei Social Media, partendo dalla storia di Internet, fino ad analizzare il fenomeno del Web 2.0.
Nella seconda parte ho analizzato cosa sono effettivamente i Social Media e come si possono suddividere. Ho effettuato un’analisi generale delle cinque macro categorie che ho delineato ed estratto le loro principali caratteristiche. Il mondo dei Social Media è molto vasto e complesso, vengono approfonditi quelli che io ritengo i più importanti ed i più interessanti al giorno d’oggi, avendo così una panoramica generale degli strumenti possibili da utilizzare per la comunicazione aziendale. Mi sono soffermata soprattutto sull’interazione fra di essi e sugli strumenti per facilitare la condivisione di contenuti.
La terza parte è riservata al mio caso studio, l’analisi di un piano di comunicazione per la Onlus “International Help”. Essa non è ancora entrata in contatto con i Social Media, verrà quindi analizzato l’approccio primario. Il mio scopo è mostrare limpidamente i loro progetti, dallo sviluppo al loro compimento, per aumentare e consolidare la fiducia riposta da un possibile donatore. Grazie ai Social Media si possono mostrare aggiornamenti quotidiani sulla raccolta fondi e sull’effettivo utilizzo delle donazioni, tramite fotografie, video ed articoli. La trasparenza e l’informazione sono la base della comunicazione.
Dopo una prima fase di analisi su come le altre Onlus utilizzano i Social Media, mi sono dedicata alla costruzione di tre situazioni tipo in cui le piattaforme da me analizzate potrebbero fare la differenza. Viene poi generalizzato e sintetizzato il piano che una Onlus deve attuare per entrare nel mondo dei Social Media.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La mia tesi parla della comunicazione attraverso i Social Media. Ho deciso di trattare questo argomento poiché sono interessata ad approfondire nuove vie di comunicazione non ancora convenzionali (come possono essere considerate la carta stampata e la televisione). I Social Media fanno parte del nostro presente e sicuramente faranno parte del nostro futuro. Sono in continua evoluzione, ogni anno cambiano, vengono dismessi e ne nascono di nuovi. Bisogna aggiornarsi continuamente per poter rimanere al passo di questo colosso definito Internet. La prima parte è dedicata al raccontare la nascita dei Social Media, partendo dalla storia di Internet, fino ad analizzare il fenomeno del Web 2.0. Nella seconda parte ho analizzato cosa sono effettivamente i Social Media e come si possono suddividere. Ho effettuato un’analisi generale delle cinque macro categorie che ho delineato ed estratto le loro principali caratteristiche. Il mondo dei Social Media è molto vasto e complesso, vengono approfonditi quelli che io ritengo i più importanti ed i più interessanti al giorno d’oggi, avendo così una panoramica generale degli strumenti possibili da utilizzare per la comunicazione aziendale. Mi sono soffermata soprattutto sull’interazione fra di essi e sugli strumenti per facilitare la condivisione di contenuti. La terza parte è riservata al mio caso studio, l’analisi di un piano di comunicazione per la Onlus “International Help”. Essa non è ancora entrata in contatto con i Social Media, verrà quindi analizzato l’approccio primario. Il mio scopo è mostrare limpidamente i loro progetti, dallo sviluppo al loro compimento, per aumentare e consolidare la fiducia riposta da un possibile donatore. Grazie ai Social Media si possono mostrare aggiornamenti quotidiani sulla raccolta fondi e sull’effettivo utilizzo delle donazioni, tramite fotografie, video ed articoli. La trasparenza e l’informazione sono la base della comunicazione. Dopo una prima fase di analisi su come le altre Onlus utilizzano i Social Media, mi sono dedicata alla costruzione di tre situazioni tipo in cui le piattaforme da me analizzate potrebbero fare la differenza. Viene poi generalizzato e sintetizzato il piano che una Onlus deve attuare per entrare nel mondo dei Social Media. Le mie fonti sono stati i Social Media stessi come Wikipedia e Quora, le presentazioni e la sezione “Help” di Facebook, Twitter, Youtube, Flickr, Google+, Tumblr e molti altri ancora. Ma soprattutto mi sono servita di blog e siti di esperti del settore, che sono riusciti a fare della comuncazione sui Social Media il loro lavoro.

Laurea liv.I

Facoltà: Design e Arti

Autore: Nadia Lanfranco Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2258 click dal 22/03/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.