Skip to content

L'alta velocità ferroviaria nei Corridoi europei di trasporto

Informazioni tesi

  Autore: Gianmarco Fedele
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Lucio Caracciolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 204

Il presente elaborato ha lo scopo di analizzare il ruolo dell’alta velocità ferroviaria nei corridoi multimodali di trasporto, strumenti fondamentali della politica europea di trasporto e di sviluppo.
E' difficile immaginare una crescita economica forte, creatrice d’occupazione e di ricchezza in assenza di un sistema di trasporto efficace che permetta di sfruttare pienamente il mercato interno e le possibilità offerte dalla mondializzazione degli scambi commerciali. Esiste ancora oggi una forte esigenza di mobilità, nonostante viviamo nella società dell’informazione e degli scambi virtuali. La domanda di trasporto è cresciuta costantemente fino a metà degli anni duemila, sia per i passeggeri sia per le merci. Per queste ultime bisogna considerare che negli ultimi vent’anni in Europa si è passati da un economia di “stock” ad un’economia di “flusso”, fenomeno accentuato dalla delocalizzazione di determinate imprese, quelle ad alta intensità di manodopera, che hanno spostato determinate fasi della produzione a centinaia o migliaia di chilometri dal luogo di assemblaggio. Tra i vari aspetti della politica europea dei trasporti la definizione di alcuni pacchetti di opere infrastrutturali, di volta in volta aggiornate e modificate nel corso degli anni, svolge un ruolo fondamentale nel processo di sviluppo economico che l’UE sembra speranzosa di avviare sul suo territorio. Gli “assi prioritari” delineati ad Essen nel 1994, trasformatosi prima in “progetti prioritari” e adesso in “Corridoi Europei”, sono stati pensati per migliorare la coesione economica e sociale del territorio e per portare ad una persistente stabilità geopolitica in Europa.
La politica europea in materia di rete transeuropea dei trasporti oltre a contribuire ad assicurare accessibilità e a incentivare la coesione economica, sociale e territoriale, ha l’obiettivo di favorire il corretto funzionamento del mercato interno e il conseguimento degli obiettivi dell’agenda di Lisbona in materia di crescita e di occupazione.
Infine deve integrare i requisiti in materia di protezione dell’ambiente con l’intento di promuovere lo sviluppo sostenibile, diventato obiettivo di riferimento nell’Unione dopo il Consiglio Europeo di Goteborg del giugno 2001.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il presente elaborato ha lo scopo di analizzare il ruolo dell’alta velocità ferroviaria nei corridoi multimodali di trasporto, strumenti fondamentali della politica europea di trasporto e di sviluppo. Proprio su questo ultimo punto si soffermerà il primo capitolo, che seguirà l’evoluzione dei progetti di rete trans-europea di trasporto che l’UE ha iniziato a delineare dopo Maastricht, fino alla recente conformazione in Corridoi. La descrizione dello strumento dei Corridoi Paneuropei, alla cui formazione l’UE ha contribuito in minima parte, servirà a capire l’origine della politica di sviluppo delle aeree periferiche attraverso la costruzione di assi infrastrutturali di trasporto che collegano tali zone con le aree più sviluppate del continente. Nell’ultima parte del capitolo si affronterà la questione del finanziamento dell’intero programma di rete trans-europea di trasporto: l’aspetto più rilevante dell’impegno delle Istituzioni europee nella costruzione di infrastrutture di trasporto negli Stati membri. Nel secondo capitolo l’elemento che verrà messo in rilievo sarà il ruolo strategico ricoperto dalla ferrovia nel piano europeo di trasporto. I progetti prioritari della rete trans-europea di trasporto sono riconducibili, nella maggior parte dei casi, a infrastrutture ferroviarie ad alta velocità. Si analizzeranno, quindi, quali sono gli strumenti che l’UE mette in campo per creare una rete ferroviaria trans-europea ad alta velocità: dalle direttive che perseguono l’interoperabilità tra i sistemi ferroviari dei diversi paesi europei, a quelle che realizzano una liberalizzazione reale del settore ferroviario. Tutto ciò ha implicato una rivoluzione totale delle aziende ferrotranviarie, avvantaggiando quelle stabilite in paesi dove la tecnologia ad alta velocità si è sviluppata da più tempo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tav
torino-lione
corridoi europei
no tav
alta velocità ferroviaria
politica di trasporto
ten-t
rete transeuropea
corridoio mediterraneo
direttrice transpadana
tgv
shinkansen

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi