Skip to content

Dalla Sonoterapia all'Effetto Mozart, quello che la musica non può fare

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Crepaldi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Conservatorio F.Venezze, Rovigo
  Facoltà: Diploma Accademico di I livello, conservatorio F.Venezze di Rovigo
  Corso: Musicologia
  Relatore: Fabrizio Festa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

La tesi ha lo scopo di passare in rassegna una serie di fenomeni caratterizzati dall’impiego di suoni e/o musica con differenti finalità. In specifico i casi presi in esame comprenderanno:
-studiare e modificare la materia inorganica (cimatica);
-curare determinate patologie fisiche delimitate spazialmente (terapia cimatica, detta anche cimaterapia o sonoterapia);
-permettere uno sviluppo mentale maggiore o accelerato di neonati e bambini (effetto Mozart);
-curare disturbi come dislessia, autismo, depressione, schizofrenia ecc. o coadiuvare l’apprendimento di nuove lingue (audiopsicofonologia).
Analizzando quelli che sono i principi basilari su cui poggiano tali teorie a approfondendone i meccanismi d’azione si dimostrerà l’insostenibilità delle asserzioni riportate dai loro sostenitori. Contestualizzando la nascita della cimatica si appurerà che questa disciplina risulta essere una pseudoscienza basata su una precisa dottrina esoterica, e che tale disciplina, utilizzando precise frequenze per porre in vibrazione liquidi e polveri, non ha come fine lo studio della fisica acustica ma bensì la possibilità di dedurre dalle immagini prodotte considerazioni circa l’essenza della realtà, materiale e spirituale. La sonoterapia è l’applicazione terapeutica delle teorie della cimatica. L’utilizzo delle tecniche cimatiche applicate direttamente sul corpo umano si basa su correlazioni organo-specifiche con determinate frequenze. Tale correlazione tuttavia risulterà essere una pura congettura basata su vaghe somiglianze estetiche. L’analisi dell’effetto Mozart sarà fatta innanzi tutto a partire dal suo l’iter scientifico, dalle prime pubblicazioni risalenti a circa vent’anni fa ai numerosi tentativi di conferma avuti successivamente, i quali hanno da una parte invalidato le ipotesi di partenza e dall’altra hanno individuato meccanismi alternativi per spiegare i risultati iniziali. Anche l’analisi della relazione tra musica di sottofondo e apprendimento ha rivelato una sostanziale difficoltà di generalizzazione nel cercare di individuare composizioni più o meno adatte a tale compito di facilitazione. Infine si esamineranno i processi alla base dell’audiopsicofonologia del metodo Tomatis e del suo funzionamento. Le prove aneddotiche riportate e un’originale interpretazione dell’anatomia umana, del tutto inconciliabile con le conoscenze mediche attuali, permetteranno di giustificare la classificazione di questa “terapia del suono” tra le terapie non convenzionali e/o alternative.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA Che la musica sia l’unico elemento, assieme al linguaggio, presente in tutte le culture del pianeta è un fatto dimostrato dalla ricerca antropologica. Al giorno d’oggi ci siamo oramai abituati, specie nel mondo occidentale, all’utilizzo della musica a fini commerciali, a un approccio di immediato consumo e di mero intrattenimento. Tuttavia analizzando la funzione della musica nel corso della storia appare chiaro che la sua funzione è quasi sempre stata di carattere magico/religioso. Di conseguenza, non sorprende che alla musica siano state attribuite le più svariate proprietà prodigiose, quando non addirittura poteri sovrannaturali: dalla capacità di guarire disturbi fisici e patologie vere e proprie al solo ascolto del timbro di un particolare strumento fino al potere di influenzare gli eventi atmosferici, o ancora alla facoltà di ammansire fiere selvagge e sconfiggere mostri mitologici. Ai nostri giorni alcune di queste credenze appaiono talmente improbabili da farci sorridere, ma la convinzione che la musica possegga un suo speciale potere non è affatto scomparsa: si è solo rinnovata nei modi, ma non nella sostanza. Non intendiamo qui trattare degli effetti taumaturgici della musica, ma ci si è posto piuttosto l’obbiettivo di testare la fondatezza e la sensatezza di quelle credenze moderne che, a un esame piuttosto superficiale, potrebbero sembrare confermate persino da ricerche scientifiche e studi approfonditi apparentemente rigorosi. Tra queste si prenderanno in esame dapprima la capacità di influenzare la materia (in primo luogo inanimata, poi organica e vivente), e successivamente gli influssi che la musica si suppone abbia nello sviluppo e nell’incremento dell’intelligenza sull’uomo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

musica
mozart
sonoterapia
cimaterapia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi