Skip to content

I conflitti ambientali, l'approccio brasiliano tra sviluppo e contraddizione

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Matteucci
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Fabio Armao
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

Nella prima parte del lavoro si inquadrare in maniera generale il tema dei conflitti ambientali, si cercherà di dare una visione comprensiva di ciò che la letteratura del settore ha analizzato fino ad oggi. Un'evoluzione storica del concetto di conflitto ambientale e le implicazioni che ciò comporta relativamente alla trattazione della materia.
Successivamente si passerà all'analisi dei modelli di gestione dei conflitti ambientali, si elencheranno quindi i metodi di analisi e di trattazione delle situazioni conflittuali; verranno esposti una serie di approcci e di modelli da questi derivati. Lo studio della nascita e della gestione dei conflitti è un tema assai dibattuto in letteratura e offre molteplici chiavi di lettura applicabili ai singoli casi.
Nel terzo capitolo lo sguardo passerà al Brasile, lo Stato sudamericano utilizzato come case study in questo lavoro; l'enorme crescita economica del paese e la volontà di procedere con una modernizzazione delle infrastrutture, ha messo la classe politica di fronte alla necessità di attuare progetti (come la costruzione di dighe e centrali idroelettriche o la deviazione di fiumi allo scopo di migliorare l'agricoltura ), che si sono spesso rivelati molto invasivi, dispendiosi e lesivi nei confronti delle popolazioni indigene. Inoltre gli investimenti stranieri, spesso concretizzatisi nella costruzione di grandi industrie, hanno poi ulteriormente minato il difficile equilibrio con l'ambiente, la popolazione brasiliana (già afflitta da una delle più basse le distribuzioni del reddito) e le minoranze indigene. Sarà preso in esame uno dei conflitti ambientali più complessi del Paese: la transposição (deviazione) del fiume São Francisco nella zona nord-est del Brasile; si proporrà un’analisi storica del progetto, si evidenzieranno gli attori coinvolti e si cercherà di dare un'immagine d'insieme della situazione conflittuale e della sua evoluzione. Il tema cardine del conflitto sulla deviazione è l’acqua; le risorse idriche sono di fondamentale importanza in contesti in cui si cerchi lo sviluppo. Queste sono infatti fondamentali per lo svolgimento della vita umana e basilari per dare forza a settori di primaria importanza in queste economie, come quello agricolo e dell’energia.
La tesi si svilupperà successivamente con la presa in considerazione di conflitti ambientali analoghi a quelli analizzati nel capitolo precedente, ma localizzati in paesi differenti dal Brasile. Saranno esaminati conflitti ambientali nati in altri paesi in via di sviluppo, per rintracciare nella loro gestione da parte dei governi, analogie o differenze rispetto al modello brasiliano. In questa parte saranno proposti dei parallelismi tra i vari modelli osservati nel capitolo II e tra i conflitti stessi. Saranno osservati i tipi di governo presenti nelle varie realtà analizzate e le loro responsabilità dirette sulla nascita e sulla gestione dei conflitti. In conclusione si proverà a rintracciare una causa comune per la nascita di tali contrapposizioni cercando di capire se l’insorgenza di tali problematiche fosse evitabile o, quantomeno, se tali conflitti fossero gestibili in maniera diversa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 I Il conflitto ambientale 1.1 Definire il conflitto ambientale, storia ed ecologia Le contrapposizioni tra soggetti sono da sempre presenti nella società umana. Da quando gli esseri umani hanno iniziato ad organizzarsi tra di loro divenendo sedentari e sfruttando in maniera sistematica la natura, i conflitti aventi per oggetto l'ecosistema si sono moltiplicati. Il modellamento dell'ambiente e l'uso intensivo delle sue risorse hanno contrapposto diversi gruppi nelle diverse epoche storiche. Dalle lotte per lo sfruttamento delle acque navigabili alle guerre per i giacimenti minerari o petroliferi, dalla deforestazione all'inquinamento idrico, sono solo alcuni esempi che dimostrano in maniera lampante come le tensioni legate all'ambiente non si siano sviluppate solo in tempi recenti. In questa prima parte si cercherà di definire il concetto di conflitto, per poi passare all'inquadramento di che cosa si intenda con il termine conflitto ambientale. Per meglio delineare l'argomento, bisogna partire dalla base: la definizione di conflitto. Le scienze sociali hanno da sempre preso parte a questo lavoro di analisi, in particolare la sociologia con le sue diverse correnti di pensiero. La scuola funzionalista in particolare, rappresentata da autori come Talcott Parsons, intende il conflitto sociale come una perturbazione, una condizione da riparare. La società si trova in uno stato di equilibrio omeostatico, un qualsiasi mutamento di questo ordine porterà il sistema a cercare di riequilibrarsi. Inteso come un'anomalia da risolvere a tutti i costi, il conflitto viene dunque ad inserirsi all'interno di una concettualizzazione statica ed

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi