Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Verifica sismica della tribuna d'onore dello Stadio ''Del Duca'' di Ascoli

La presente tesi ha come obiettivi la verifica sismica della tribuna d’onore dello Stadio Del Duca di Ascoli e la conseguente ipotesi di intervento. Le fasi operative sono 3: la conoscenza dell’edificio, l’analisi del modello strutturale e l’ipotesi di intervento. Lo Stadio Cino e Lillo Del Duca, o Stadio delle Zeppelle, si trova nel comune di Ascoli Piceno. La struttura attuale interamente in c.a. si presenta suddivisa in 4 parti: la tribuna ovest, la tribuna est, la curva nord, la curva sud. Inoltre le gradinate est e ovest, antistanti le tribune, poggiano su telai propri. Per questo motivo è stato possibile studiare separatamente la tribuna d’onore, ovvero la tribuna coperta, che è stata realizzata nel 1958 e collaudata nel 1962.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 INTRODUZIONE Un terremoto è un evento naturale che scatena forti vibrazioni nel suolo e libera l’energia accumulata in seguito ai movimenti ai quali è continuamente sottoposta la crosta terrestre. L’Italia è un Paese ad elevata sismicità e l’intero territorio è considerato a rischio sismico. La ricerca scientifica in ogni campo ha tentato di opporsi alle distruzioni e alle rovine provocate dai terremoti. Da diversi anni, infatti, sono state introdotte metodologie per la valutazione del rischio sismico sugli edifici, al fine di conoscere il danno atteso a seguito di una scossa su una determinata realtà urbana, cercando di individuare tutti gli elementi ad alto rischio. In questo ambito, appare quindi di notevole importanza la valutazione del rischio delle “opere che possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un eventuale collasso” (OPCM 3274/03), come le “strutture aperte al pubblico suscettibili di grande affollamento, il cui collasso può portare gravi conseguenze in termini di vite umane” (Decreto 21 ottobre 2003 n. 3685). Nella presente tesi, si pone l’attenzione sulla vulnerabilità sismica dello Stadio Cino e Lillo Del Duca di Ascoli Piceno, che risulta essere un impianto calcistico a grande affollamento, in quanto può ospitare circa 20000 spettatori. In particolare si studierà la tribuna d’onore dello stadio, caratterizzata da una copertura a sbalzo di 11 m. La vulnerabilità sismica è, per definizione, la propensione di una struttura a subire un danno a fronte di un evento sismico. La vulnerabilità del costruito è principalmente imputabile alla carenza di alcuni requisiti fondamentali che investono diverse componenti della struttura, dal terreno al sistema di fondazione, dagli orizzontamenti alle strutture verticali. Altre cause sono attribuite alla scarsa manutenzione o alla cattiva qualità dei sistemi strutturali realizzati. Le condizioni del patrimonio costruito sono spesso molto scarse, a causa di incertezze connesse alla progettazione, all’esecuzione, allo stato di conservazione, che rendono le strutture inadeguate. In Italia il patrimonio edilizio è nel 50% dei casi costruito in calcestruzzo armato. Il patrimonio strutturale italiano è per la maggior parte costituito da sistemi spesso non antisismici e di non recente edificazione. Sul territorio italiano sono presenti elevatissime percentuali di edifici ed infrastrutture che hanno superato, in termini

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Ingegneria

Autore: Cristina Petrini Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 602 click dal 08/04/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.