Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti del diritto ''ecclesiastico'' in Carignano in età moderna

La Comunità (dal 1683, città) di Carignano, fu uno dei principali centri subalpini. Nel medioevo s’irradiavano da essa i poteri di due grandi casate feudali: i Romagnano e i Provana. Nel ‘300 vi si consumò un celebre conflitto tra i Savoia e i Savoia Acaia. In seguito fu base, talora, della dinastia e della corte. Divenne, poi, appannaggio, del ramo sabaudo che ne trasse il nome, di grande caratura dinastica e notorietà europea, già ben prima di salire sul trono d’Italia. La presenza dei Savoia, una posizione favorevole, floridi commerci e la ricchezza delle sue terre, trasformarono Carignano nella patria di grandi casate, la presenza delle quali non solo fece sorgere palazzi e chiese notevoli per pregio architettonico (tra cui spicca la parrocchiale alfieriana, uno dei capolavori assoluti del barocco europeo) ma animò le autorevoli istituzioni amministrative e giuridiche.
Nella storia della città, s’intrecciano le vicende dei soggetti sin qui citati con quelle della Chiesa e delle istituzioni religiose locali (vari monasteri maschili e femminili e numerosi priorati, cappellanie, benefici e influenti confraternite). Soprattutto a partire dal ‘600, si deve registrare una conflittualità accesa (della quale non si deve però amplificare la portata, sotto un profilo, per così dire, “politico”) nel contesto della quale si assiste al contrapporsi in via giudiziale, tra di loro, di differenti enti e rappresentanti ecclesiali: si rileva un forte ruolo della Parrocchia, che intende porre fine a disordini, particolarismi, personalismi, per sancire la sua “supremazia”, espressa in sede tridentina. A metà del ‘600, dopo che alcuni prevosti avevano dovuto rinunciare al loro ruolo, per le difficoltà di governo parrocchiale in cui si erano imbattuti, entrò in scena un prevosto volitivo (e dotato di solide solidarietà locali e “romane”) che tentò di ricondurre la vita religiosa nell’alveo dei dettami e auspici controriformistici dopo secoli in cui gravi abusi (qui descritti) non erano mancati. Nella tesi si esaminano, grazie a documentazione manoscritta e stampe rarissime o introvabili, reperite in archivi privati e pubblici, gli sviluppi degli atti di lite di alcune delle controversie da esso sostenute (escussione dei testimoni, sottili argomentazioni giuridiche, riferimenti a usi consuetudinari e via dicendo), soprattutto contro il monastero di Santa Chiara, con riferimento a questioni cerimoniali, processionali e devozionali.
Alcuni degli aspetti destinati a generare un contenzioso si potrebbero ritenere “tipici”, se non intervenisse sullo sfondo una situazione particolare, generata da un polisecolare conflitto giurisdizionale tra i vescovi di Torino e l’abate di San Michele della Chiusa, dal quale dipendeva – ma con continue contestazioni – Carignano, con riferimento “allo spirituale”. Per potere costruire uno scenario complessivo attorno alle singole vicende giuridiche descritte si è pertanto dovuto raccogliere una vasto quadro di informazioni di contorno e di sfondo circa la presenza patrimoniale e religiosa dell’abbazia di San Michele della Chiusa in Carignano e circa le sue controversie col vescovado e poi arcivescovado torinese, durate ininterrottamente dal XII al XVIII secolo, quasi configurandosi, in età moderna, come un’anticipazione, pur trattandosi di due enti ecclesiali, in considerazione della tipologia degli attori coinvolti, dei successivi conflitti giurisdizionali tra Stato e Chiesa.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione, oggetto della ricerca, spunti metodologici Oggetto della presente indagine è in particolare la conflittualità sviluppatasi nel corso dei secoli , dal basso medioevo sino al Settecento inoltrato , nell‟ambito della giurisdizione e amministrazione ecclesiastica in Carignano, una realtà per alcuni versi “classica” (di certo la conflittualità tra “poteri” e enti ecclesiastici e poteri “civili”, ma non solo, anche tra poteri ecclesiastici in concorrenza tra di loro , non costituisce un contesto inusuale) e per altri in qualche modo eccezionale, considerando che qui si confrontarono per secoli, contendendosi differenti beni, prerogative e diritti, nel quadro di un diuturno conflitto giurisdizionale, i Vescovi di Torino e gli Abati di San Michele della Chiusa. In tale contesto ogni vertenza , anche tra differento attori afferenti alla sfera ecclesiastica poté assumere connotazioni legate ai contrasti in essere e il suo esito poté esserne significativamente condizionato. Per potere inquadrare opportunamente le vicende religiose della città di Carignano in età moderna, in particolare tra Seicento e Settecento, la conoscenza quanto più possibile

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alberto Ermanno Mola Di Nomaglio Contatta »

Composta da 540 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 223 click dal 03/04/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.