Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione del linguaggio giornalistico nel settore dello sport

Il linguaggio del giornalismo sportivo si caratterizza per diverse peculiarità: risulta basato sulla lingua della quotidianità, impregnato di forestierismi e neologismi, chiaro e semplice ma al contempo enfatico e talune volte anche drammatico.
Nella nostra nazione i giornali sportivi sono i veri giornali popolari: lo sport, e il calcio in particolare, è quasi, nella nostra penisola, un fenomeno di costume, un evento di così grande rilevanza sociale che non può non essere analizzato in tutti i suoi dettagli.
Quella dello sport è una lingua settoriale e come tutte le lingue di tal tipo ha un suo linguaggio ben specifico, caratteristico, a volte oscuro per i non competenti.
Ormai però il linguaggio dello sport è entrato nelle case della maggior parte della gente: chi non conosce il significato della parola “net” mutuata dal tennis? Chi non ha mai sentito “cross” o “corner”? Chi non ha mai ascoltato la parola “pole position” in qualche conversazione?
C’è comunque da dire che il linguaggio sportivo, oltre a mutuare vocaboli dalla lingua colloquiale, riesce a inserirsi, con i suoi termini specifici, nel linguaggio comune: molto spesso i parlanti, quasi senza accorgersene, utilizzano voci tecniche riprese dal linguaggio sportivo.
E’ molto probabile sentir dire “ci siamo salvati in corner” quando si è trovata una giustificazione o una soluzione ad un problema grosso: una perifrasi ripresa dal linguaggio sportivo calcistico che sta a indicare un giocatore che, mettendo la palla in angolo, riesce a salvare la porta da un’occasione da gol alquanto probabile.
Non manca sentir dire, soprattutto tra i più giovani “ facciamo un pit stop” che prende il significato di “facciamo una sosta”: anche questa è una metafora mutuata dal mondo dello sport, precisamente dal linguaggio della Formula 1, e sta a indicare il pilota che si ferma a fare rifornimento di carburante durante la gara.
Ma quello che caratterizza ancor di più il linguaggio dello sport è la possibilità di essere sempre aperto al nuovo: brillanti metafore, geniali perifrasi, parole e frasi prese in prestito dalle lingue mondiali lo rendono peculiare e unico nel suo genere.
L’estro e la creatività del giornalista completano l’opera: più un giornalista sportivo è fantasioso e creativo più il pezzo avrà quel qualcosa in più che lo renderà esclusivo.
Nelle testate sportive, famose e non, il giornalista si sbizzarrisce nel cercare frasi d’effetto, parole non comuni, citazioni riprese dalle lingue arcaiche: gioca con la sua lingua in modo insaziabile e spesso i risultati sono davvero stupefacenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il linguaggio del giornalismo sportivo si caratterizza per diverse peculiarità: risulta basato sulla lingua della quotidianità, impregnato di forestierismi e neologismi, chiaro e semplice ma al contempo enfatico e talune volte anche drammatico. Nella nostra nazione i giornali sportivi sono i veri giornali popolari: lo sport, e il calcio in particolare, è quasi, nella nostra penisola, un fenomeno di costume, un evento di così grande rilevanza sociale che non può non essere analizzato in tutti i suoi dettagli. Quella dello sport è una lingua settoriale e come tutte le lingue di tal tipo ha un suo linguaggio ben specifico, caratteristico, a volte oscuro per i non competenti. Ormai però il linguaggio dello sport è entrato nelle case della maggior parte della gente: chi non conosce il significato della parola “net” mutuata dal tennis? Chi non ha mai sentito “cross” o “corner”? Chi non ha mai ascoltato la parola “pole position” in qualche conversazione? C’è comunque da dire che il linguaggio sportivo, oltre a mutuare vocaboli dalla lingua colloquiale, riesce a inserirsi, con i suoi termini specifici, nel linguaggio comune: molto spesso i parlanti, quasi senza accorgersene, utilizzano voci tecniche riprese dal linguaggio sportivo. E’ molto probabile sentir dire “ci siamo salvati in corner” quando si è trovata una giustificazione o una soluzione ad un problema grosso: una perifrasi ripresa dal linguaggio sportivo calcistico che sta a indicare un giocatore che, mettendo la palla in angolo, riesce a salvare la porta da un’occasione da gol alquanto probabile.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Manuela Mangione Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7739 click dal 05/04/2013.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.