Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le brand community e il loro apporto alle imprese

Il presente lavoro di Tesi tratta tematiche affrontate nel mio percorso di studi in Marketing che negli ultimi anni hanno riscosso un notevole successo, ovvero le brand community, la teoria della coda lunga e il social media marketing. La scelta di affrontare simili argomenti è certamente dipesa dalla loro modernità.
Nel Capitolo I si definiscono le comunità virtuali e si analizzano i vantaggi che tali gruppi possono apportare sia alla aziende che ai consumatori.
Nel Capitolo II si studiano nel dettaglio le caratteristiche delle brand community, i legami che si instaurano tra le marche e i consumatori e le componenti della marca. Inoltre, si analizzano le forme di affiliazione e i ruoli presenti all’interno delle comunità di marca con particolare riferimento a quelle nate sul web, valutando anche il tipo di approccio verso di queste messo in atto dalle imprese.
Nel Capitolo III è offerta una panoramica relativa alla Teoria della Coda lunga di Anderson, con particolare riferimento alla coda lunga del Marketing.
Nel Capitolo IV sono analizzati i nuovi paradigmi della comunicazione, soffermandosi sul social media marketing e sugli strumenti del web 2.0. Un’attenzione particolare è riservata al social network Facebook e alla possibilità di creare fan page offerta dalla piattaforma.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo 1. Le tipologie di comunità 1.1 I legami tra i consumatori e le relazioni con le marche Quella in cui ci troviamo può essere definita con tranquillità l'era della “socializzazione”. Tale bisogno porta i consumatori a riunirsi e a creare comunità e tribø sia reali che virtuali. Analizzando il comportamento del consumatore con riferimento alla tendenza alla relazione, notiamo come egli manifesti un forte interessamento ad inserirsi all’interno delle comunità di marca. Sono state coniate varie definizioni per indicare questi gruppi, tali termini non sono formalizzati nella letteratura di Marketing, ma trovano riscontro nella Sociologia. I piø utilizzati sono: - subcultura - tribø - comunità Come si può notare dalla figura precedente, il termine piø ampio - che ricomprende gli altri due - è subcultura, mentre quello che entra piø nel Subculture Comunità Tribø Figura 1.1 Subculture, tribù e comunità. FONTE: PETRUZZELIS e CHEBAT, Comportamento del consumatore, 2010.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Annamaria Russo Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3563 click dal 05/04/2013.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.