Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo delle ONG nelle nuove guerre

Lo scopo di questa tesi è inquadrare il ruolo svolto dalle organizzazioni non governative (ONG) all’interno dei conflitti armati contemporanei, generalmente individuati come nuove guerre. Proprio per capire cosa si intenda con il termine nuove guerre, verrà svolta una disamina di quella che è considerata la guerra tradizionale, basata sul modello di Clausewitz, e del suo evolversi a partire dall’età moderna. Il lavoro sarà sviluppato in tre parti: la prima parte riguarderà lo sviluppo della società, degli stati e delle guerre dal XV al XX secolo; sebbene l’età moderna si consideri terminata già nel XIX secolo, l’estensione dello studio anche nel secolo successivo è dovuto al fatto che la guerra combattuta in questo periodo storico, conserva aspetti ancora riconducibili a quelli dei secoli precedenti. La seconda parte del documento riguarderà l’interpretazione di alcuni autori contemporanei nei confronti delle guerre avvenute dopo la Seconda Guerra Mondiale (SGM) ed i motivi per cui le considerano nuove guerre. La terza parte si occuperà di individuare se e quale ruolo ricoprono le ONG all’interno dei conflitti o di interventi armati per mantenere la pace (peacekeeping).

Mostra/Nascondi contenuto.
2 ITRODUZIOE. Lo scopo di questa tesi è inquadrare il ruolo svolto dalle organizzazioni non governative (ONG) all’interno dei conflitti armati contemporanei, generalmente individuati come nuove guerre. Proprio per capire cosa si intenda con il termine nuove guerre, verrà svolta una disamina di quella che è considerata la guerra tradizionale, basata sul modello di Clausewitz, e del suo evolversi a partire dall’età moderna. Il lavoro sarà sviluppato in tre parti: la prima parte riguarderà lo sviluppo della società, degli stati e delle guerre dal XV al XX secolo; sebbene l’età moderna si consideri terminata già nel XIX secolo, l’estensione dello studio anche nel secolo successivo è dovuto al fatto che la guerra combattuta in questo periodo storico, conserva aspetti ancora riconducibili a quelli dei secoli precedenti. La seconda parte del documento riguarderà l’interpretazione di alcuni autori contemporanei nei confronti delle guerre avvenute dopo la Seconda Guerra Mondiale (SGM) ed i motivi per cui le considerano nuove guerre. La terza parte si occuperà di individuare se e quale ruolo ricoprono le ONG all’interno dei conflitti o di interventi armati per mantenere la pace (peacekeeping).

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Salvatore Fiorillo Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1252 click dal 22/04/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.