Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fascismo e il teatro

La decisione di intraprendere questa ricerca, volta a ricostruire il comportamento del governo fascista nei confronti del teatro, è nata dal desiderio di approfondire le vicissitudini teatrali di questo periodo storico, vicissitudini che, a parer mio, meritano una particolare attenzione.
La prima fase del mio lavoro è stata quella di ricostruire i caratteri salienti dell’intervento organizzativo e politico realizzato dal fascismo, in ambito teatrale, durante il ventennio (1922 – 1942).
L’analisi si concentra sostanzialmente sugli anni Trenta, perché è proprio in questo periodo che il regime decide di intervenire direttamente sulle vicende teatrali attraverso iniziative quali il Convegno Volta e la promozione di grandi esperienze teatrali di massa all’aperto come i Carri di Tespi.
Mi sono avvalsa, oltre che dei testi, anche di importanti riviste dell’epoca e ho esaminato sia le tematiche della copiosa drammaturgia popolare di carattere nettamente fascista, non molto apprezzata né dal pubblico né dalla critica, sia i copioni del più amato e seguito “teatro d’evasione”, soffermandomi più a lungo su quelli dell’autore Aldo De Benedetti.
Ho quindi proceduto ad un’analisi accurata degli spettacoli teatrali censurati dal governo fascista, facendo luce sui motivi e sulle problematiche riscontrati nei provvedimenti presi dal censore stesso.
Ho proseguito il mio studio ponendo l’attenzione sulla figura di Mussolini come coautore di opere drammaturgiche insieme a Giovacchino Forzano. Ricerca che non è stata semplice per la scarsità del materiale, ma è stata molto interessante per conoscere e approfondire la partecipazione personale al teatro, e in particolare alla scrittura teatrale, del duce stesso.
Infine, ho completato il lavoro corredandolo con particolari immagini, fotografie e documenti funzionali ad una migliore lettura del documento.

Mostra/Nascondi contenuto.
III Premessa La decisione di intraprendere questa ricerca, volta a ricostruire il comportamento del governo fascista nei confronti del teatro, è nata dal desiderio di approfondire le vicissitudini teatrali di questo periodo storico, vicissitudini che, a parer mio, meritano una particolare attenzione. La prima fase del mio lavoro è stata quella di ricostruire i caratteri salienti dell’intervento organizzativo e politico realizzato dal fascismo, in ambito teatrale, durante il ventennio (1922 – 1942). L’analisi si concentra sostanzialmente sugli anni Trenta, perché è proprio in questo periodo che il regime decide di intervenire direttamente sulle vicende teatrali attraverso iniziative quali il Convegno Volta e la promozione di grandi esperienze teatrali di massa all’aperto come i Carri di Tespi. Mi sono avvalsa, oltre che dei testi, anche di importanti riviste dell’epoca e ho esaminato sia le tematiche della copiosa drammaturgia popolare di carattere nettamente fascista, non molto apprezzata né dal pubblico né dalla critica, sia i copioni del più amato e seguito “teatro d’evasione”, soffermandomi più a lungo su quelli dell’autore Aldo De Benedetti.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Violante Dossena Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 22375 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.