Skip to content

Sistemi di moda collaborativa dall'open source all'open wear

Informazioni tesi

  Autore: Simona Masciulli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Guglielmo Pescatore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 43

La costruzione di un discorso su un'altra moda, una moda collaborativa, che prende spunto dalla filosofia di uno dei principali movimenti che che animano i nuovi media, ossia l'Open source, deve imprescindibilmente partire da una delle caratteristiche fondamentali dell'attuale mondo del fashion design, ossia la circolazione di oggetti creativi (abiti) liberi da copyright: ogni stilista può “prendere in prestito” qualsiasi modello dai “colleghi” del passato o del presente e venderli come propri. Si, perché in questo settore la morsa dei diritti d'autore che governa il cinema, la musica e i software è quasi inesistente e la moda sembra trarne beneficio. Ciò che per alcuni, abituati alla protezione di qualsiasi prodotto creativo, potrebbe sembrare un plagio è per la moda un concetto del tutto legale, anzi è forse questo uno dei principali motivi grazie al quale l'industria vestimentaria rimane, in epoca di pirateria “selvaggia”, un settore così proficuo. Ciò che nella Musica è un Bootleg si potrebbe dire del tutto accettato nelle logiche del mondo moda: guardare, copiare, riadattare, personalizzare sono operazioni che fanno tutti gli addicted, così come i principali colossi del Fashion System. Sicuramente un guru della moda tenderà sempre a produrre capi originali rispetto ad un suo collega, ma per altri (vedi i grandi marchi del fast fashion come H&M, ZARA etc.) produrrà sempre modelli da imitare, modelli da riprodurre rendendo quei capi forse leggermente diversi, ma comunque suoi derivati e certamente più acquistabili. Tutto questo però non sembra frenare la creatività stilistica, ma pare addirittura stimolarla arrivando a realizzare oggetti di difficile riproducibilità. Ciò che invece è tutelato è il marchio di fabbrica, il logo sull'etichetta, ed è per questo motivo che molti stilisti stampano il proprio marchio sulla maggior parte della loro creazione.
Preso atto di quest'aspetto la trattazione continuerà con l'analizzare la formazione di un movimento, “San Precario”, nato nel mondo della moda per tutelare i tanti lavoratori precari ivi presenti, e alla sua trasformazione in un un finto brand: “Serpica Naro” (suo acronimo), che da marchio protetto, registrato e quindi individuale è stato poi liberato dagli stessi creatori, grazie alla stesura di una licenza (Creative Commons) e divenuto un collettivo/associazione non-profit. Questo grande movimento scaturito dal meta-brand ha attivato un processo di collaborazione tra lavoratori del mondo della moda e piccoli produttori che non è andato perso. Infatti i co-fondatori ragionando sugli attuali strumenti partecipativi messi a disposizione dal web 2.0 (ad es. piattaforme, community online e social network) hanno utilizzato il tutto e fondato un progetto ispirato ai modelli di software open source: Openwear.org. Si tratta di una piattaforma online in cui ovviamente sono scaricabili e modificabili i cartamodelli dei capi e i progetti di design, cioè una collezione collaborativa da cui attingere e, per la prima volta nella moda, un marchio registrato e liberato da licenza che ne permette l'utilizzo da parte di terzi, rispettando i principi in essa contenuti. Tutto ciò dà vita e opportunità a piccole realtà di qualità che altrimenti non avrebbero facilmente visibilità, ma soprattutto vorrebbero dare il via ad un nuovo modello di creazione, produzione, consumo e formazione nella moda sviluppando un concetto di artigianato diffuso, ricontestualizzato, e addirittura potenziato da nuove tecnologie di produzione on-demand e da alcuni “strumenti” con codici aperti (come per esempio cartamodelli, tutorial ma presto anche software di supporto e macchine tessili open-source).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I LA PROPRIETA' INTELLETTUALE: DAL WEB 2.0 ALLA MODA “ O si è un'opera d'arte o la si indossa”. Oscar Wilde Il modello comunicativo che si è venuto a creare in questi ultimi dieci anni, grazie ai cambiamenti avvenuti all'interno delle nuove tecnologie, ha fatto si che il Web diventasse uno strumento dinamico col quale poter interagire e grazie al quale è possibile partecipare a discussioni e condividere una nostra opinione o semplicemente ciò che più ci piace. Un Web dinamico dunque, grazie a forum, chat e social network come facebook, twitter etc.. che sono diventati il principale canale di diffusione di contenuti di ogni tipo: immagini, video, testi, musiche vengono “pubblicati” sul web all'ordine del secondo.. Queste azioni hanno cambiato la nostra vita quotidiana sotto innumerevoli aspetti, ma soprattutto hanno reso veloce la reperibilità e la circolazione di informazioni di ogni genere, tra cui anche quelle di opere qui sopracitate, tecnicamente dette d'ingegno, laddove per opera d'ingegno s'intende “ogni risultato di carattere creativo del lavoro intellettuale che appartenga alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all'architettura, al teatro e alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione” 1 . La stessa deve avere i requisiti giuridici di originalità e creatività, ossia “diversa” e “nuova” perchè sia protetta dal diritto d'autore. Tra le opere d'ingegno notiamo come non siano menzionate le opere stilistiche o di design, questo perché considerate utilizzabili, perciò non aventi diritto di protezione. Invece, le opere d'ingegno sono tutelate secondo la posizione giuridica del diritto d'autore che ne disciplina e attribuisce un insieme di facoltà a colui che realizza tale opera con l'intento di rendergli esclusivi diritti morali ed economici di 1 Art. 1, Legge 22 aprile 1941 n. 633: “Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio” [da http://www.interlex.it/testi/l41_633.htm] 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

moda
copyright
open source
free software
slow food
fast fashion
obsolescenza
slow fashion
knockoff
open wear

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi