Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'organizzazione della conoscenza sensitiva umana

Non c’è niente di più facile e consueto che vedere e riconoscere un amico, udire la sua voce, sentire il calore della sua mano mentre la si stringe; niente è più semplice e naturale che immaginare il volto di una persona cara e ricordare il timbro della sua voce. Sono questi degli atti di conoscenza che tutti compiamo un numero così grande di volte e con una tale spontanea facilità che spesso non ci rendiamo neanche conto di farlo.
Eppure in questi atti così apparentemente semplici si cela una complessità tanto grande quanto insospettata.
Il nostro intento è indagare filosoficamente questa complessità, la molteplicità di funzioni, di atti di contenuti, cioè, che si cela negli atti umani di percezione e di rappresentazione di realtà del mondo dell’esperienza.

Questo studio vuol essere, dunque, una analisi filosofica, in prospettiva psicologica, di alcuni momenti del conoscere umano.
L’adozione del punto di vista psicologico, innanzitutto, significa che cercheremo di studiare il conoscere come fatto reale, nella sua genesi e nel suo processo, come attività che si manifesta in un dato ente, il soggetto umano appunto, sotto determinate condizioni. Analisi del conoscere, dunque, quale attività che si manifesta in certe condizioni, ed analisi di queste condizioni.
Il conoscere umano, però, anche considerato solo dal particolare punto di vista psicologico, è pur sempre un campo d’indagine immenso; così la nostra ricerca avrà quale principale oggetto un aspetto ben definito del conoscere stesso, si concentrerà cioè in particolare sulle componenti sensitive dell’atto e del contenuto di percezione e rappresentazione. Non si trascurerà tuttavia la prospettiva generale: essa infatti consente di collocare l’ambito specifico appena descritto nel suo contesto naturale.
Si cercherà, inoltre, di affrontare il tema appena enunciato secondo un’ottica ben precisa, quella determinata dall’uso, quale principio esplicativo, della nozione di organizzazione. Questa è normalmente utilizzata come chiave per interpretare la peculiarità degli esseri viventi: ciò che distingue e spiega il vivente è il fatto che è un essere organizzato. A noi sembra che possa essere proficuo servirsene, con gli opportuni adattamenti, anche per comprendere il conoscere umano. Parleremo perciò dell’organizzazione del conoscere ed in particolare dell’organizzazione della conoscenza sensitiva umana.

Mostra/Nascondi contenuto.
III INTRODUZIONE Non c’è niente di più facile e consueto che vedere e ricono- scere un amico, udire la sua voce, sentire il calore della sua mano mentre la si stringe; niente è più semplice e naturale che immagi- nare il volto di una persona cara e ricordare il timbro della sua voce. Sono questi degli atti di conoscenza che tutti compiamo un numero così grande di volte e con una tale spontanea facilità che spesso non ci rendiamo neanche conto di farlo. Eppure in questi atti così apparentemente semplici si cela una complessità tanto grande quanto insospettata. Il nostro intento è indagare filosoficamente questa com- plessità, la molteplicità di funzioni, di atti di contenuti, cioè, che si cela negli atti umani di percezione e di rappresentazione di realtà del mondo dell’esperienza. Questo studio vuol essere, dunque, una analisi filosofica, in prospettiva psicologica, di alcuni momenti del conoscere u- mano.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Paolo Carlani Contatta »

Composta da 386 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3423 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.