Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il linguaggio nei casi di 'bambini selvaggi' - Language in Feral children

Dopo un percorso di studi e di vita dedicato alle lingue e culture straniere mi sono chiesta come fosse possibile che l’attualità con tutta la sua emancipazione e la sua tecnologia potesse ancora contare casi di soggetti senza alcun deficit cognitivo ma gravemente compromessi nell’apprendere la madrelingua. E ho scoperto che dietro al progetto specifico dei loro genitori mentalmente instabili c’era la volontà esplicita di negare un’esistenza normale ai propri figli, alienandoli.
Isolamento e rinnegazione sono la sola forma di “contatto” delle quali questi soggetti hanno potuto “beneficiare” fin dalla loro nascita con conseguenze inevitabilmente distruttive e irreparabili per la psiche, per il linguaggio e per la convivenza con i loro simili, gli altri umani.
A tutt’oggi le innumerevoli forme di insegnamento speciale, cosiddette “special educations”, non sono riuscite a colmare quel vuoto linguistico presente nel cervello dei Feral Children i quali non potranno mai comunicare competentemente attraverso il mezzo esclusivo dell’uomo, la lingua, né tantomeno gestire il linguaggio umano nella sua totalità.
Oltre al livello linguistico nei Feral Children, il maggiore argomento sul quale è sviluppata questa tesi, ho ritenuto importante analizzare quello antropologico e le inevitabili conseguenze di difficile integrazione nella società.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE 1. Come funziona il linguaggio, una panoramica generale. “*…+ language is an art, like brewing or baking; *…+ it certainly is not a true instinct, for every language has to be learned. It differs, however, widely from all ordinary arts, for man has an instinctive tendency to speak, as we see in the babble of young children; *…+ the language ability is an instinctive tendency to acquir e an art.” C. Darwin, 1871 Il linguaggio costituisce uno dei più importanti comportamenti sociali umani. “E’ un sistema di comunicazione che permette di trasmettere informazioni da un individuo a un altro attraverso una serie complessa di comportamenti (segnali) decodificabili dall’interlocutore” (cfr. Neil R.C., 2002, Fisiologia del comportamento). Sia colui che trasmette il messaggio sia colui che lo riceve devono essere dotati di sistemi in grado sia di produrre il segnale che di comprendere il segnale. Quando ciò non si verifica, la comunicazione risulta impossibile. Il linguaggio è una prerogativa dell'uomo, senza il quale esso non sarebbe tale. Non esiste infatti in nessun altro essere vivente un linguaggio simile per complessità e livello di elaborazione. La ricorsività, per esempio, è una peculiarità del linguaggio umano che permette all’uomo di creare un’infinita combinazione di frasi sempre grammaticalmente e semanticamente corrette, assente in altre specie viventi. Gli animali sono in grado di comunicare tra loro ma il loro sistema di trasmissione di messaggi è molto limitato rispetto alla complessa struttura della lingua. Per fare due esempi: le api, a seconda del tipo e dell’intensità di danza che fanno una volta tornate all’alveare, indicano la distanza alla quale le altre api potranno trovare il cibo e le difficoltà che incontreranno lungo il percorso; i gatti inarcano il dorso e gonfiano la coda per spaventare i gatti rivali ed allontanarli. Il percorso di apprendimento della madrelingua (L1) parte dall’esposizione alla lingua parlata del neonato e termina con la sua capacità di creare un sistema linguistico che gli permetta di interagire con il suo prossimo ed esprimere i propri bisogni. Già a pochi anni i bambini

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Elisa Sabatini Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3367 click dal 17/04/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.