Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Osservazioni sulla danza e il balletto a Venezia, nella prima metà del '500, tratte dai Diarii di Marino Sanuto, concernenti notizie storiche di Commedie, Mumarie e Feste

Uno spaccato della Venezia rinascimentale pre-barocca in cui danza, musica, e spettacolo colorano la vita quotidiana, ricostruita attraverso la lettura e la ricerca delle notizie concernenti la danza all'interno dell'immensa opera "Diarii", preciso e fedele lavoro di un cronista veneziano del XVI secolo, Marino Sanuto.
In Venezia, crocevia di pensieri e culture, si scontrava la licenziosità del veneziano con la moralità del clero, tuttavia i due aspetti convivevano. I primi maestri di ballo, con i loro trattati, coinvolgevano plebe e patriziato ad esibirsi in pudiche o lascive coreografie. Una breve storia della danza veneziana inizio XVI secolo che si attiene rigorosamente alle notizie del cronista.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I LA DANZA NELLE CORTI "(la danza) ... è congionta con la Poesia, e con la Musica, facultà fra l'altre molto degna; e è parte di quella imitatione che rappresenta gli effetti dell'animo con movimento del corpo". Tale definizione, tutt'ora attualissima, fu data nel 1600 dal "maestro di ballo" Marco Fabrizio Caroso 1 e ciò sta a dimostrare l'alta concezione che nel Rinascimento, nell'Umanesimo e nel Barocco si ebbe per questa arte, praticata sì per scopi di piacere e di intrattenimento, ma anche come mezzo, sia che ci si ponesse come esecutori, che come spettatori, utile a raggiungere stati sociali più elevati e gestire relazioni diplomatiche. Le danze "macabre", tenebrose, religiose, sacre e profane che troviamo nel Medio Evo, si evolvono socialmente e tecnicamente nel Rinascimento, si sviluppano in parallelo con le altre arti, raggiungendo quasi lo stesso grado di dignità. I pesanti vestiti medioevali dalle lunghe code richiedenti evoluzioni calme e strisciate, si alleggeriscono per dar modo alla coreografia di tendere verso figurazioni più brillanti, più leggere, saltate; nella misura in cui il rapporto politico feudatario-contadino va via via perdendo peso, alcune danze popolari vengono inglobate dalla nobiltà e trasportate nella vita fastosa di corte. Tuttavia la classificazione tra la danza nobile e la danza del popolo rimane sempre molto evidente: occorre distinguere la "bassa danza", elegante e ricercata, dalla "danza alta" o 1 MARCO FABRIZIO CAROSO, Nobiltà di dame, 1605, Bologna, Ed. Forni, 1970 2

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Musicologia

Autore: Elena Stringa Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 793 click dal 16/04/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.