Skip to content

Marx, Engels e la questione italiana

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Basei
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Mario Cingoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 246

Fra il 1848 e il 1860 Marx ed Engels dedicarono parte del loro impegno politico rivoluzionario all’analisi delle contemporanee vicende italiane, dal biennio riformista 1846-1847 alla guerra franco-piemontese contro l’Austria del 1859, alla “gloriosa” spedizione dei Mille e al suo seguito rivoluzionario. La testimonianza di questo impegno nei confronti della “questione italiana” ci è data dai numerosi articoli giornalistici, da brevi accenni negli epistolari e dai due opuscoli, ''Po e Reno'', del 1859, e ''Nizza, Savoia e Reno'', del 1860, che Marx ed Engels scrissero a proposito degli avvenimenti, delle situazioni e delle questioni politiche che caratterizzarono il periodo storico più importante del Risorgimento italiano.
Il mio lavoro si è proposto di ricostruire, di commentare, di dare una visione più chiara e organica dei giudizi e degli atteggiamenti di Marx ed Engels verso la questione italiana, dato che la maggior parte di questi ci sono stati tramandati nella forma frammentaria degli articoli giornalistici e non in un’opera unitaria. È facile intuire come questa operazione non possa prescindere dalla storiografia e dalla filosofia marx-engelsiane, ossia dalla concezione materialistica della storia, dal correlato umanesimo positivo (il fine era l’emancipazione sociale e politica di tutti gli uomini), e dalle sue prospettive rivoluzionarie (quel fine si poteva raggiungere solo attraverso una lotta proletaria mondiale, l’abolizione dell’economia capitalistica e la costituzione di una società comunista). Solo relazionandoci alla teoria della prassi marx-engelsiana possiamo comprendere l’ottica dalla quale i nostri autori giudicavano le vicende italiane e il vero significato dei loro commenti, spesso espressi in forma sintetica.
Se il primo obiettivo concreto della filosofia di Marx ed Engels era dunque la rivoluzione proletaria, da compiersi prima a livello nazionale e poi internazionale, è allora facile comprendere che, come tutti gli avvenimenti europei, anche quelli relativi al Risorgimento italiano venivano interpretati dal punto di vista rivoluzionario. Di conseguenza le questioni importanti della storia italiana, quali la liberazione dal dominio straniero e l’unità del Paese, erano certo prese in considerazione, ma in ogni caso subordinate alla prospettiva rivoluzionaria, ossia al cammino che il popolo italiano doveva compiere, contemporaneamente agli altri popoli europei, affinché si raggiungessero nel modo più rapido quelle determinate condizioni storiche, ossia economiche e sociali, che in ogni Paese rendevano possibile la rivoluzione comunista.
È quindi evidente che i nostri autori affrontano la “questione italiana” mettendo in pratica la loro teoria storico-filosofica, applicando, ma nello stesso tempo sottoponendo alla verifica della storia i punti cardine del materialismo storico-dialettico.
L’importante risultato di questo confronto sta anche nell’ampliamento e nell’approfondimento di alcune delle tematiche appena accennate nelle opere classiche dei nostri autori, quali il Manifesto del Partito comunista o L’Ideologia tedesca, come la questione della nazionalità, certamente di fondamentale importanza in gran parte dell’Europa in quel periodo storico, ma attuale anche oggi.
Sarà quindi nostro compito anche quello di verificare la coerenza di queste particolari prese di posizione, suscitate dall’analisi degli avvenimenti italiani, con la teoria portante del materialismo storico, anche nel caso in cui i giudizi riguardino questioni immediatamente pratico-politiche, come si ebbe a proposito del ruolo della Germania nella guerra del 1859.
Mettere in luce l’interpretazione marx-engelsiana del Risorgimento italiano è oltremodo interessante dal punto di vista storiografico e politico, in quanto, eccettuata una tarda e retrospettiva considerazione di Engels presente in ''Violenza ed economia nella formazione del nuovo impero tedesco'' (1887-88), essa si discosta dalla lettura tradizionale della storia italiana, presentando una critica radicale della soluzione monarchica con cui il Risorgimento italiano si venne compiendo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Fra il 1848 e il 1860 Marx ed Engels dedicarono parte del loro impegno politico rivoluzionario all’analisi delle contemporanee vicende italiane, dal biennio riformista 1846-1847 alla guerra franco-piemontese contro l’Austria del 1859, alla “gloriosa” spedizione dei Mille e al suo seguito rivoluzionario. La testimonianza di questo impegno nei confronti della “questione italiana” ci è data dai numerosi articoli giornalistici e dai due opuscoli, Po e Reno e Nizza, Savoia e Reno, che Marx ed Engels scrissero a proposito degli avvenimenti, delle situazioni e delle questioni politiche che caratterizzarono il periodo storico più importante del Risorgimento italiano. Questo lavoro si propone di ricostruire, di commentare, di dare una visione più chiara e organica dei giudizi e degli atteggiamenti di Marx ed Engels verso la questione italiana, dato che la maggior parte di questi ci sono stati tramandati nella forma frammentaria degli articoli giornalistici e non in un’opera unitaria. Si può intuire come questa operazione non possa prescindere dalla storiografia e dalla filosofia marx-engelsiane, ossia dalla concezione materialistica della storia, dal correlato umanesimo positivo, e dalle sue prospettive rivoluzionarie. L’attività giornalistica e pubblicistica di Marx ed Engels, come del resto il loro costante impegno politico, sono infatti parte integrante della loro filosofia, non essendo questa una sterile teoria interpretativa ma una teoria che deve farsi immediatamente prassi, una teoria- prassi al servizio della storia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunismo
friedrich engels
karl marx
napoleone iii
regno di sardegna
risorgimento italiano
filosofia politica
giuseppe mazzini
giuseppe garibaldi
storia del risorgimento
storia d'italia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi