Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aorivola Borgo0Energy

Borgo0Energy
Troppi Borghi oggi in Italia vengono lasciati decadere per mancanza di progetti adeguati e per la perdita dell’interesse per la storia raccontata dalle loro pietre. Ed è proprio da questa consapevolezza che parte il mio lavoro.
Il Borgo di Aorivola, frazione del Comune di Caianello, CE è un piccolo Borgo medievale, arroccato su una collina a 270m s.l.m. Come tanti borghi dell’entroterra presenta il problema dell’esodo a causa della mancanza di servizi e insediamenti produttivi, nonostante le sue potenzialità storiche, paesaggistiche e agricole; è immerso in boschi e terreni agricoli e, in particolare, coltivazione di nocciole; con una popolazione di 17 abitanti mentre la capacità abitativa è di 240 abitanti.
Il Borgo è caratterizzato da edifici in muratura massiva dello spessore di 53 cm, di tufo grigio di Caianello estratto direttamente dalle numerose cantine presenti al di sotto dei fabbricati. La copertura così come i solai hanno una struttura portante in travi di legno e tavolati senza coibentazioni e rifiniture. Attualmente il Borgo è particolarmente decadente.
Solo attraverso lo studio approfondito delle sue caratteristiche e del suo passato è stato possibile trovare le potenzialità attraverso le quali sviluppare “Borgo0Energy”, dando particolare risalto alla possibilità dell’autosufficienza energetica e all’incremento di un particolare tipo di turismo interessato alle tradizioni locali.
Dopo lo studio dei dati climatici, dell’esposizione, dell’ombreggiamento e del fabbisogno energetico si è optato, come strategia ecosostenibile a scala urbana, all’installazione di un sistema fotovoltaico integrato; installazione di tre generatori eolici; recupero delle acque piovane con un impianto di fitodepurazione; impianto di minicogenerazione, che utilizza come combustibile la biomassa, in particolare gusci di nocciole, presenti in grande quantità nella zona di progetto, l’acqua calda prodotta viene portata alle varie utenze attraverso il teleriscaldamento mentre per l’energia elettrica si effettua lo scambio sul posto.
Le strategie ecosostenibili per i singoli edifici si basano sul restauro conservativo, realizzazione di cappotto interno, intonaco termoisolante e sostituzione dei vetri singoli con vetri basso emissivi recuperando i telai in legno esistenti. Recupero della struttura portante in legno dei solai sostituendo solo le parti degradate e inserimento di isolante termo acustico in sughero con pannello blocca tubo per riscaldamento a pavimento.
Gli interventi sullo spazio aperto prevedono la realizzazione di verde attrezzato, di percorsi per passeggiate turistiche e ciclo pedonali con prato carrabile, l’introduzione della mobilità sostenibile attraverso il bike dispencer e un auto elettrica.
Fondamentale per il ripopolamento del Borgo sarà l’incentivazione dell’agricoltura come opportunità lavorativa e vendita diretta dei prodotti di raccolta all’interno di botteghe artigianali che saranno allestite ai piani bassi di alcuni fabbricati.
Tutti gli interventi previsti sono incentrati sul non uso del suolo e nel riqualificare l’ambiente naturale, queste scelte vogliono riportare il borgo alla piena attività e prosperità e i turisti che vorranno visitare il borgo e le varie emergenze storiche saranno ospitati nell’Albergo Diffuso.
Linda Laurenza

Mostra/Nascondi contenuto.
AORIVOLA_Borgo Energy 0 Caianello, in provincia di C a s e r t a , g r a z i e all’autostrada A1, la superstrada che collega Caianello a Benevento e la Casilina è ben collegata con tutto il territorio campano e oltre, dista, infatti, dal capoluogo di provincia circa 40 km, da Napoli circa 65 km e 170 km da Roma, capitale. La provincia di Caserta si estende a sud di Roma ed ha una superficie di 2.639 kmq. Il suo territorio comprende il Massiccio del Matese , il Montemaggiore, l’altura di Roccamonfina ed occupa tutta l’area settentrionale d e l l a C a m p a n i a . E ’ attraversata dal fiume Volturno ed il territorio fertile lavorato dai contadini sin dai tempi degli antichi Romani prendeva il nome di “Terra di Lavoro”. Nell’alto casertano si estende il territorio del Comune di Caianello che permette di raggiungere con facilità luoghi di particolare interesse storico-culturale per la presenza di borghi medievali e castelli per lo più del periodo angioino, come il castello di Marzano Appio, Castello di Vairano Patenora, il Santuario dei Lattani a Roccamonfina del XVI sec., il borgo di Pietramelara e il borgo medievale e il teatro romano di Teano. Castello di Marzano Appio Castello di Riardo Castello di Pietravairano Teatro Romano di Teano Castello di Vairano Patenora CAIANELLO e LA PROVINCIA DI CASERTA Il Luogo Inquadramento Territoriale 1 1 Tesista: Linda Laurenza matr. 077/1155 Correlatore: Prof. Arch. A. Bosco Relatore: S. Rinaldi Prof. Arch.

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Linda Laurenza Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 844 click dal 17/04/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.