Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi numerica delle prestazioni termiche di pali energetici

La geotermia a bassa entalpia rappresenta l'unica fonte rinnovabile priva del carattere aleatorio e per questo dovrebbe essere sfruttata in maniera intensiva nel nostro Paese che non possiede troppe alternative in campo energetico. I pali energetici sono la naturale evoluzione delle sonde verticali e sono molto convenienti sia dal punto di vista economico che prestazionale. Per quanto riguarda la progettazione, i metodi numerici attualmente se opportunamente validati sono l'unica strada da percorrere....ho cominciato questo lungo cammino creando e validando un modello tridimensionale di palo energetico!

Mostra/Nascondi contenuto.
Sostenibilità è un termine che sentiamo molto spesso ma che raramente porta a delle convinte riflessioni, da tale accezione discendono concetti quali la salvaguardia delle risorse ambientali, il risparmio energetico e la diminuzione delle emissioni di gas serra ed è proprio in quest’ottica che vanno ad inserirsi le cosidette energie alternative o pulite. Dopo la crisi petrolifera degli anni settanta è aumentato sempre più l’interesse per le fonti energetiche alternative e di conseguenza anche la ricerca e lo svilippo di nuove tecnologie che sfruttino risorse sempre reperebili e dall’impatto pressochè nullo sull’ambiente, in questo contesto vanno ad innestarsi le energie ricavate sfruttando adeguatamente sole, vento, maree e terra. Lo squilibrio termico dovuto ad una domanda energetica sempre crescente, che attanaglia il nostro Pianeta ha portato tramite il protocollo di Kyoto 167 nazioni ad impegnarsi nella riduzione dell’uso di combustibili fossili al fine di rimediare ai cambiamenti climatici in atto. L’Italia, che ovviamente ha aderito a tale protocollo ha anche un altro problema non di poco conto, infatti acquista ¾ del fabbisogno energetico da Paesi quali Russia e Libia e tutto ciò ci assoggetta a costi energetici elevati e a una forte dipendenza dalle politiche di questi Paesi. Una possibile mitigazione di questo problema che purtroppo non viene ancora sostenuta fino in fondo, sarebbe quella di produrre all’interno dei nostri confini Capitolo Capitolo Capitolo Capitolo I I I Introduzione ntroduzione ntroduzione ntroduzione 1 1 1 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Fabio Scermino Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 763 click dal 17/04/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.